MotoGP Aprilia RS-GP cresce con Aleix Espargaro già in forma

MotoGP Aprilia RS-GP cresce con Aleix Espargaro già in forma

Ultima uscita 2017 per la squadra veneta. Buoni riscontri dallo spagnolo, Sam Lowes in precarie condizioni fisiche.

Commenta per primo!

Ultimo impegno per Aprilia prima della pausa invernale, tre giorni di test sulla pista spagnola di Jerez de la Frontera. Aleix Espargarò e Sam Lowes sono tornati in sella alle RS-GP, a pochi giorni dal primo contatto di Valencia, per una serie finale di prove propedeutiche allo sviluppo della moto veneta in ottica 2017. Il meteo non ottimale ha parzialmente complicato il lavoro dell’Aprilia Racing Team Gresini, tanto da costringere squadra e piloti ad uno stop anticipato a causa della pioggia.

Diversi gli obiettivi ai due lati del box. Aleix Espargarò ha continuato a raccogliere dati e informazioni che verranno utilizzati dal reparto corse di Noale nella definizione della RS-GP in configurazione 2017. Il pilota spagnolo ha individuato una buona base di partenza, sulla quale si concentrerà il lavoro da qui ai prossimi test in Malesia. Sam Lowes, visibilmente sofferente dopo la caduta di Valencia, non ha potuto forzare in sella alla RS-GP ed ha dunque approfittato dei tre giorni per aumentare il feeling con la squadra, beneficiando anche dei commenti del suo più esperto compagno di box.

Aleix ha percorso 80 giri con un best lap di 1’39.675, mentre Sam ha fatto segnare un miglior crono di 1’42.312 nei 50 giri totali.

Ci avviamo verso la pausa invernale con buone sensazioni” ha detto Markus Eschembacher, capo tecnico di Aleix Espargaro.  “Ha confermato quanto fatto vedere a Valencia, sia in termini di performance che di affiatamento con la RS-GP. Abbiamo individuato una direzione tecnica piuttosto precisa per assecondare il suo stile di guida e durante l’inverno lavoreremo per portare ai primi test di Sepang una moto ulteriormente evoluta. Il meteo non ci ha aiutato e ci si è messa di mezzo anche una scivolata, ma possiamo guardare con ottimismo alla stagione 2017”.

Giulio Nava, capotecnico di Sam Lows fa il punto sull’altro lato del box. “Sam ha pagato i postumi dalla caduta rimediata a Valencia, ma si è comunque messo alla prova a Jerez per continuare il suo percorso di crescita. Abbiamo una lunga stagione davanti, quindi per il momento è importante accumulare chilometri in sella ed entrare nei meccanismi del team. Credo che, nonostante le difficoltà fisiche, questi test abbiano aggiunto un ulteriore tassello all’apprendistato di Sam. Sicuramente in Malesia inizierà ad emergere il suo potenziale, non possiamo considerare indicativi i rilevamenti cronometrici di questi test”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy