MotoGP, Andrea Dovizioso: “Lorenzo in Honda? Non mi riguarda”

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Lorenzo in Honda? Non mi riguarda”

Andrea Dovizioso analizza i pro e i contro dell’avere Jorge Lorenzo nello stesso box. Con Marc Marquez saldamente in testa l’obiettivo 2018 è il secondo posto.

di Luigi Ciamburro
Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo distano un solo punto in classifica e da qui a Valencia le restanti otto gare saranno altrettante finali per il secondo posto. Dal prossimo anno si cambia scena, il maiorchino cambierà livrea e condividerà il box con un altro grande rivale, Marc Marquez. In un’intervista allo spagnolo ‘AS’ Dovi si tiene fuori dalla questione: “Non è qualcosa che mi riguarda“.

LORENZO PRO – Nonostante l’ordine di non aggressione impartito dai responsabili della squadra,  non corre buon sangue tra i due piloti Ducati, del resto quando due big condividono il medesimo box e sono così ravvicinati nelle prestazioni non può essere diversamente. Felice che Lorenzo vada via?  “Quando c’è un campione nel box come Jorge, o come Valentino, Márquez e Maverick,  ci sono sempre cose a favore e contro. A favore, c’è un pilota che ha vinto, che sa cosa serve per essere veloci e quello che fa è speciale. Quando vedi i dati tieni conto che ha vinto e sa come vincere. Questo ti aiuta molto a capire alcune cose. Hai in mano informazioni su qualcosa che solo lui sa come fare… I campioni devono sempre essere studiati. Questo è il positivo“.

LORENZO CONTRO – Ma non è tutto oro quel che luccica, perchè due galli nello stesso pollaio creano diatribe e un’atmosfera di tensione. “Il lato negativo è che fa una serie di cose che non sono in grado di fare, ma solo perché abbiamo caratteristiche diverse, non perché sia ​​più forte. Ci sono cose che lui fa meglio e altre peggio, questo a volte può metterti in crisi, perché non sei capace di fare cose che lui fa. Questo è difficile mentalmente, perché è un vantaggio se vinci, ma se vince crea tensione“.

LORENZO IN HRC – Dal prossimo campionato Andrea Dovizioso avrà come compagno di box Danilo Petrucci, un osso meno duro almeno sulla carta, un pilota dal carattere più malleabile. La patata bollente maiorchina passerà nel box Honda dove potrebbe andare a creare attriti in casa Marquez. Molto dipenderà dall’adattamento alla RC213V e dai risultati. Si adatterà più facilmente alla Honda che alla Ducati? “E’ la domanda che tutti si pongono e nessuno può saperlo adesso… Andare in HRC ha anche pro e contro per lui. Va in una moto che va bene, ma va nel box di Márquez, che secondo me non è favorevole. Ma tutto dipende, perché se Jorge andrà forte sarà un vantaggio avere Marquez come compagno di squadra“.

OBIETTIVI 2018 – Ancora presto per parlare di futuro, ci sono altre otto gare in cui tutto può succedere, anche se l’obiettivo più concreto resta il titolo di vicecampione. “Sarebbe molto importante confermare il secondo posto dell’anno scorso, per essere ancora più forte il prossimo anno. Questo è il vero obiettivo, anche se non chiudo ancora la porta di questo campionato… Non corro pensando che il titolo è perso. Stiamo vincendo gare, facendo podi e ci sono cose che possono essere migliorate. Parliamo di piccoli dettagli che sono ciò che fa la differenza per vincere e dobbiamo concentrarci su di essi. Non ho bisogno di pensare al campionato o alle posizioni“.

Scommetti con Johnnybet

Biglietti e offerte per il GP di Misano

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy