MotoGP, Aleix Espargarò: “Iannone compagno di squadra interessante”

MotoGP, Aleix Espargarò: “Iannone compagno di squadra interessante”

Aleix Espargarò promuove l’arrivo di Andrea Iannone in Aprilia dal 2019: “Sarà più facile sviluppare la RS-GP”.

di Luigi Ciamburro
Andrea Iannone

Dal prossimo anno Aprilia Racing Team potrà contare su una solida coppia d’attacco formata da Aleix Espargaro e Andrea Iannone. Il pilota di Vasto sarà uno stimolo in più per lo spagnolo e insieme potranno dare una spinta decisiva allo sviluppo della RS-GP. Aleix conosce bene pregi e difetti della moto, a cominciare dal nuovo motore il cui sviluppo proseguirà per l’intera stagione, e dal telaio, punto di forza della Casa di Noale su cui bisogna continuare a lavorare.

STIMOLO IANNONE – Grazie al feeling con Aprilia in continua progressione e ai risultati migliori di quelli racimolati da Scott Redding, Espargarò si è meritato pienamente il rinnovo fino al 2020, in attesa di poter collaborare e dividere dati con Andrea Iannone: “Con due piloti forti nella squadra naturalmente è più facile sviluppare la moto. Scott non trova il ritmo. Ha grossi problemi con l’Aprilia. Iannone è molto forte al momento, è in buona forma. Ecco perché diventa un compagno di squadra molto interessante”. Nonostante le difficoltà tecniche ha deciso di proseguire l’avventura con il team italiano e, per la prima volta in carriera, di continuare con la stessa squadra per più di due stagioni: “Da quando avevo 15 anni viaggio in tutto il mondo in questo paddock, ma non ho mai lavorato con lo stesso gruppo per più di due anni – ha sottolineato a Motogp.com -. Attualmente stiamo vivendo il livello più alto di sempre nella classe regina. La differenza tra il vincitore della gara e il rider al 10° posto è molto piccola. Ecco perché la costanza e i piccoli dettagli fanno la differenza”.

FIDUCIA IN APRILIA – Nel 2017 Aprilia ha perso molto in accelerazione e velocità di punta, quest’anno il nuovo motore ha rimediato in parte a questi problemi, ma la sfortuna ha remato contro in più di un’occasione. In Qatar è mancata la benzina nel finale di gara, in Argentina un cavo rotto, a Jerez un problema elettronico, al Mugello è stato tradito dalla gomma posteriore dopo una grande rimonta dalla 21esima alla 12esima piazza. “Il motore è arrivato in ritardo, quindi abbiamo avuto poco tempo e abbiamo visto gli effetti nella prima gara. In termini di accelerazione, abbiamo fatto progressi, ma c’è ancora spazio per miglioramenti. I nostri avversari sono molto forti”, ma non impossibili da raggiungere. Aleix Espargarò è certo che migliorando in alcuni punti la top-6 potrebbe essere un obiettivo plausibile: “A Le Mans abbiamo notato alcune cose interessanti. La Yamaha non è molto meglio della nostra moto, la Suzuki è molto diversa… L’Aprilia è ora più competitiva, ma abbiamo ancora molta strada da fare. Mi sento in grado di poter stare tra i primi sei, ma devo provarlo nelle gare. Abbiamo bisogno di risultati, perchè la classifica generale è ancora negativa”.

MES Experience a Franciacorta: tutte le info utili

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP LOMBARDIA Qui i biglietti scontati

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy