Moto3 Test Losail: tempone di Loi, bene Bulega (3°) e Fenati (4°)

Moto3 Test Losail: tempone di Loi, bene Bulega (3°) e Fenati (4°)

Conclusa la seconda nottata di Test IRTA Moto3 in Qatar con Livio Loi velocissimo, bene anche Nicolò Bulega e Romano Fenati nelle posizioni di vertice.

Con un protagonista per certi versi a sorpresa va in archivio la seconda nottata di Test IRTA della classe Moto3 al Losail International Circuit. Livio Loi, pilota belga dalle chiare origini italiane e già (fortunoso) vincitore lo scorso anno ad Indianapolis, in 2’05″824 ha demolito la pole 2015 del nostro Niccolò Antonelli (2’06″170) in 10 conclusivi minuti di prove “da qualifica”: tempi convincenti sul 2’06” basso anche per Fabio Quartararo (2°) e per i nostri Nicolò Bulega (3° da esordiente sul tracciato qatariota) e Romano Fenati (4°).

STASERA… CHE SERA! – Non siamo ancora al weekend di gara, ma l’ultimo quarto d’ora della conclusiva sessione in programma è parsa quasi un antipasto delle qualifiche ufficiali. Ad esattamente 15 minuti dal termine il primo ad inaugurare la serie di time attack era stato il nostro Romano Fenati in 2’06″289, prontamente avvicinato dal suo compagno di squadra Nicolò Bulega (2’06″828). Da lì a poco, nello specifico a 8 minuti dall’esposizione della bandiera a scacchi, è arrivato il “tempone” di Livio Loi, con la Honda NSF250RW del RW Racing GP autore di un prodigioso 2’05″824, soltanto avvicinato in sequenza dal duo Leopard Racing su KTM formato da Fabio Quartararo (2’06″193) e Joan Mir (altro ‘deb’ a Losail, 2’06″256) e, nel finale, con un ulteriore miglioramento di Bulega e Fenati, a braccetto rispettivamente in terza e quarta posizione con i tempi di 2’06″254 e 2’06″256 (il medesimo, spaccato al millesimo, di Mir). Velocissimo Loi a parte (meno male doveva soffrire con i 3kg in più di peso minimo moto più pilota imposti dal regolamento 2016), di fatto la top-5 è racchiusa in meno di 2/10 riproponendo il dualismo tra Honda e KTM senza scordarsi di Brad Binder (KTM Ajo, 2’06″366) e Jorge Navarro, leader su Honda Monlau dell’odierno secondo turno in 2’06″591.

Romano Fenati veloce e costante con la KTM dello Sky Racing Team VR46
Romano Fenati veloce e costante con la KTM dello Sky Racing Team VR46

OK BULEGA E FENATI, 0″002 TRA DI LORO – Il bilancio tricolore della Night 2 di Losail sicuramente sorride ed il merito è dei due principali alfieri dello Sky Racing Team VR46, Nicolò Bulega e Romano Fenati. A confronto sul piano velocistico per una sana rivalità agonistica, i due compagni di squadra si sono quasi dati appuntamento nei minuti finali con una serie di botta-e-risposta che ha visto prevalere, per l’inezia di 2 millesimi di secondo, il giovane Campione del Mondo Junior Moto3 in carica, con il best lap di 2’06″254 di un soffio meglio rispetto a Fenati (2’06″256, eguagliato il crono ell’altro fenomenale ‘deb’ Joan Mir). Se queste sono le premesse, sarà un Gran Premio di Losail dalle molteplici tematiche d’interesse per i nostri portabandiera con Bulega confermatosi sempre più ‘rookie speciale‘ (Losail e le condizioni di guida in notturna a lui completamente inedite fino a ieri…), Fenati dalla pregevole costanza di rendimento, ma anche gli altri italiani c’è tutto il potenziale per scalare la classifica. Spesa la Night 1 per risolvere problemi di chattering, Niccolò Antonelli (poleman del GP 2015) è 9° in 2’06″675, a seguire Andrea Locatelli (KTM Leopard) è 2’06″963 con Francesco Bagnaia in progressione con la Mahindra 2016 (2’07″146, 18°), dopo un gran venerdì Andrea Migno è 20° (2’07″259), notte da dimenticare per Enea Bastianini alle prese con più problemi del previsto ed una caduta tanto da staccare soltanto il 23° riferimento cronometrico. Chiudono il gruppo quattro nostri esordienti con, nell’ordine, Stefano Valtulini (Mahindra 3570 Team Italia, 30°), Fabio Di Giannantonio (Honda Gresini, 31°), Fabio Spiranelli (Mahindra CIP, 32°) e Lorenzo Petrarca (Mahindra 3570 Team Italia, 33°).

PRONOSTICO DEL GP IMPOSSIBILE – Ribadendo il sostanziale equilibrio ai vertici tra Honda e KTM con un leggero vantaggio della casa di Mattighofen (sei i piloti in sella ad una ‘Kappa’ nella top-10), resta impronosticabile il verdetto del Gran Premio in programma da qui a otto giorni sempre in Qatar. Oltre ai nostri ed uno scatenato Livio Loi, Fabio Quartararo seguito dal suo mentore tecnico Christian Ljundberg (insieme conquistarono il titolo nel CEV 2013) ha trovato le misure della KTM RC 250 GP #20 del Leopard Racing, non da meno Joan Mir che al pari di Bulega si conferma tra i debuttanti da tenere sotto stretta osservazione per tutto l’arco del 2016. Pregevole il rendimento di Brad Binder, Jorge Navarro e Philipp Öttl, lodevole exploit di Jorge Martin che con la Mahindra ha indovinato due giri sotto il 2’07”, viaggiando poi di passo sui medesimi livelli del teammate Bagnaia con la MGP3O 2016 che paga tuttora dazio in termini motoristici rispetto la concorrenza.

Livio Loi il più veloce oggi a Losail
Livio Loi il più veloce oggi a Losail

DOMANI GRAN FINALE – Saranno i giovani talenti della Moto3 ad inaugurare domani la conclusiva serata di Test IRTA a Losail con la prima sessione in programma dalle 15:00 alle 16:20 locali, a seguire altri due turni (dalle 18:00 alle 19:00, dalle 20:20 alle 21:20) indispensabili in funzione-weekend di gara.

Moto3™ World Championship 2016
Test IRTA Losail International Circuit
Classifica Finale Day 2 (sabato 12 marzo)

01- Livio Loi – RW Racing GP – Honda NSF250RW – 2’05.824
02- Fabio Quartararo – Leopard Racing – KTM RC 250 GP – + 0.369
03- Nicolò Bulega – Sky Racing Team VR46 – KTM RC 250 GP – + 0.430
04- Romano Fenati – Sky Racing Team VR46 – KTM RC 250 GP – + 0.432
05- Joan Mir – Leopard Racing – KTM RC 250 GP – + 0.432
06- Brad Binder – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 0.542
07- Jorge Navarro – Team Estrella Galicia 0,0 – Honda NSF250RW – + 0.767
08- Jorge Martin – Aspar Mahindra Moto3 – Mahindra MGP3O – + 0.806
09- Niccolò Antonelli – Ongetta Rivacold – Honda NSF250RW – + 0.851
10- Philipp Öttl – Schedl GP Racing – KTM RC 250 GP – + 0.866
11- Maria Herrera – MH6 LaGlisse – KTM RC 250 GP – + 0.904
12- Jakub Kornfeil – Drive M7 SIC – Honda NSF250RW – + 0.979
13- Aron Canet – Team Estrella Galicia 0,0 – Honda NSF250RW – + 1.039
14- Bo Bendsneyder – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 1.097
15- Andrea Locatelli – Leopard Racing – KTM RC 250 GP – + 1.139
16- Juanfran Guevara – RBA Racing Team – KTM RC 250 GP – + 1.229
17- Khairul Idham Pawi – Honda Team Asia – Honda NSF250RW – + 1.254
18- Francesco Bagnaia – Aspar Mahindra Moto3 – Mahindra MGP3O – + 1.322
19- Jules Danilo – Ongetta Rivacold – Honda NSF250RW – + 1.365
20- Andrea Migno – Sky Racing Team VR46 – KTM RC 250 GP – + 1.435
21- Darryn Binder – Platinum Bay Real Estate – Mahindra MGP3O – + 1.486
22- Tatsuki Suzuki – CIP Unicom Starker – Mahindra MGP3O – + 1.775
23- Enea Bastianini – Gresini Racing Moto3 – Honda NSF250RW – + 1.809
24- Gabriel Rodrigo – RBA Racing Team – KTM RC 250 GP – + 1.951
25- Hiroki Ono – Honda Team Asia – Honda NSF250RW – + 1.963
26- John McPhee – Peugeot MC SaxoPrint – Peugeot MGP3O – + 2.152
27- Adam Norrodin – Drive M7 SIC – Honda NSF250RW – + 2.337
28- Karel Hanika – Platinum Bay Real Estate – Mahindra MGP3O – + 2.373
29- Alexis Masbou – Peugeot MC SaxoPrint – Peugeot MGP3O – + 3.028
30- Stefano Valtulini – 3570 Team Italia – Mahindra MGP3O – + 3.168
31- Fabio Di Giannantonio – Gresini Racing Moto3 – Honda NSF250RW – + 3.264
32- Fabio Spiranelli – CIP Unicom Starker – Mahindra MGP3O – + 4.319
33- Lorenzo Petrarca – 3570 Team Italia – Mahindra MGP3O – + 4.438

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy