Moto3 Phillip Island, Qualifiche: È ancora pole per Jorge Martín, Bezzecchi 15°

Moto3 Phillip Island, Qualifiche: È ancora pole per Jorge Martín, Bezzecchi 15°

Per la decima volta in questa stagione Jorge Martín inizierà un Gran Premio dalla prima posizione. In prima fila Binder e Sasaki, molto indietro Bezzecchi.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Decima pole position stagionale, la numero 19 in Moto3: risultati straordinari per Jorge Martín, che dopo i problemi fisici accusati nelle ultime due gare è tornato a fare la voce grossa in qualifica, pronto ad allungare in classifica iridata dalla prima casella in griglia. Accanto a lui ci sono Darryn Binder e Ayumu Sasaki, mentre Marco Bezzecchi dovrà dare il massimo per rimontare dalla 15° piazza.

Non si tratta sicuramente di una sessione tranquilla quella di cui si rendono protagonisti i più giovani piloti del Motomondiale: fin da subito infatti è un susseguirsi di cambi in classifica, con tempi costantemente abbassati, a caccia del miglior piazzamento possibile in griglia di partenza in vista del Gran Premio. La situazione sembra stabilizzarsi almeno in vetta quando Martín prende il comando, anche se soprattutto negli ultimi minuti sono tanti i piloti che cercano di insidiargli il piazzamento.

Il “re delle pole position” non si smentisce a Phillip Island e si assicura la prima casella in griglia di partenza, un risultato ottimale per lui considerando che il rivale iridato Marco Bezzecchi è solo 15°. In prima fila con lui scatteranno Darryn Binder e Ayumu Sasaki, con Jakub Kornfeil a precedere Gabriel Rodrigo e Philipp Öttl. Primo degli italiani è Tony Arbolino, settimo davanti a Marcos Ramírez ed a Dennis Foggia, con Aron Canet a chiudere la top ten. Così gli altri nostri portacolori: Enea Bastianini è 14° davanti a Bezzecchi, Fabio Di Giannantonio è 17°, Lorenzo Dalla Porta è 20°, Celestino Vietti Ramus è 22° seguito da Yari Montella, Stefano Nepa è 25°, Andrea Migno è 27°.

La classifica

qp moto3

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy