Moto3: Livio Loi e Reale Avintia interrompono il rapporto di collaborazione

Moto3: Livio Loi e Reale Avintia interrompono il rapporto di collaborazione

Livio Loi non è più un pilota Reale Avintia: la decisione è stata presa di comune accordo e con effetto immediato. La squadra ora cerca il suo sostituto.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Reale Avintia Academy Moto3 rende noto attraverso un comunicato che Livio Loi non sarà più il suo pilota nella categoria minore del Motomondiale: la decisione, giunta di comune accordo, ha effetto immediato, quindi significa che il pilota belga non sarà più in griglia a partire dal Gran Premio di Germania, in programma la prossima settimana.

Da ambo le parti le aspettative erano ben migliori di quanto invece è stato realmente ottenuto nelle prime otto gare della stagione 2018: Loi infatti ha chiuso una sola volta in top ten, a cui si aggiungono due 15° posti per un totale di tre volte in zona punti. Il team Reale Avintia Academy, assieme a Zelos (struttura che rappresenta il pilota), ha dichiarato di aver messo a disposizione del pilota tutte le risorse possibili, senza vedere però risultati e quindi vedendosi costretto a prendere questa decisione. Si pensa ora ad un sostituto, visto che la squadra ha intenzione di continuare a competere nel campionato del mondo.

“Abbiamo creato un team su misura per Livio Loi” ha dichiarato Raúl Romero, manager di Reale Avintia, “e da entrambe le parti ci si aspettavano risultati migliori in queste prime gare della stagione. Sfortunatamente i risultati non si sono visti ed assieme ai rappresentanti di Zelos abbiamo preso questa decisione. Auguro a Livio il meglio per il suo futuro.”

Queste poi le parole di Freddy Tacheny, fondatore e CEO di Zelos: “Vogliamo ringraziare Reale Avintia Academy per la collaborazione ed auguriamo loro il meglio nelle prossime gare. Nel frattempo continueremo a fare il possibile per aiutare Livio Loi nella sua carriera di pilota.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy