Moto3 Jerez Prove 2: Brad Binder precede Nicolò Bulega

Moto3 Jerez Prove 2: Brad Binder precede Nicolò Bulega

Di Brad Binder il miglior tempo nella FP2 Moto3 a Jerez, Nicolò Bulega stacca il secondo tempo assoluto.

Il miglior tempo di questa seconda sessione di prove libere è di Brad Binder, che a fine turno trova lo spunto vincente per chiudere al comando. I nostri piloti però si fanno vedere: subito dietro al sudafricano troviamo Nicolò Bulega e Niccolò Antonelli, ma si mantengono in top ten anche Romano Fenati, Francesco Bagnaia e Enea Bastianini.
Italiani protagonisti all’inizio del turno, con Bastianini, Bagnaia e Antonelli a contendersi le prime posizioni in classifica.

La situazione rimane piuttosto tranquilla per parecchi minuti, finché non arriva Quartararo che stampa il giro più veloce. Al giro successivo però il pilota francese è protagonista di un brutto highside alla curva 13: a parte la gamba dolorante, ne esce incolume. A fine turno tutti i piloti cercano di migliorarsi quindi ci sono parecchi cambiamenti in classifica: alla bandiera a scacchi troviamo in testa Brad Binder, davanti ai nostri Nicolò Bulega e Niccolò Antonelli. Quarta posizione per Jorge Martin che precede un altro duo italiano, composto da Romano Fenati e Francesco Bagnaia. Settimo è Khairul Idham Pawi, molto rapido a fine turno, davanti a Jules Danilo, al nostro Enea Bastianini ed a Fabio Quartararo.

Undicesima posizione per Andrea Migno, convalescente da un infortunio alla mano destra, mentre per quanto riguarda gli altri italiani troviamo Fabio Di Giannantonio ventiquattresimo, Davide Pizzoli (protagonista della seconda caduta giornaliera) ventisettesimo, Andrea Locatelli ventinovesimo, Lorenzo Petrarca trentatreesimo davanti a Stefano Valtulini (reduce da un infortunio alla spalla sinistra), mentre Fabio Spiranelli chiude la classifica. Da registrare alcune cadute avvenute quasi in successione in questo turno: oltre ai già citati Quartararo e Pizzoli, finisce a terra Phillip Oettl, così come Jorge Navarro alcuni minuti dopo. Fortunatamente ne escono tutti incolumi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy