Moto3 Brno, Prove 1: Philipp Öttl al comando, cade Martín

Moto3 Brno, Prove 1: Philipp Öttl al comando, cade Martín

Il tedesco chiude al comando la prima sessione di libere a Brno, precedendo Jorge Martín (per lui caduta e possibile lesione) e John McPhee.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Il Gran Premio di Brno si apre con un guizzo finale da parte di Philipp Öttl, che realizza in miglior tempo della prima sessione di prove libere, seguito da Jorge Martín, protagonista però di una caduta: si teme una lesione al polso sinistro per il leader iridato, e per questo è stato accompagnato al Centro Medico per controlli. Terzo è John McPhee, il migliore degli italiani è Nicolò Bulega, quinto. Prove libere 2 al via alle 13.10 .

Tornano in pista Darryn Binder, sostituito al Sachsenring da Raúl Fernández, e Alonso López, che in Germania ha riportato una doppia lesione a spalla e piede per una caduta in gara, mentre segnaliamo anche la wild card Filip Salač, pilota di casa ed al suo esordio mondiale. A circa metà turno la situazione si stabilizza con il duo Del Conca Gresini in testa: prima è Di Giannantonio a porsi al comando, ma negli ultimi minuti è Martín a realizzare il miglior crono provvisorio. La sua sessione si chiude anzitempo per un highside alla curva Schwantz, dal quale si rialza particolarmente dolorante al polso sinistro: lo spagnolo viene poi accompagnato al Centro Medico per controlli.

Quasi all’ultimo però la testa della classifica cambia, con Philipp Öttl che riesce ad assicurarsi la prima piazza finale davanti proprio al leader iridato ed a John McPhee, mentre in quarta posizione c’è Jakub Kornfeil, a precedere Nicolò Bulega, Kaito Toba e Aron Canet. Ottavo è Lorenzo Dalla Porta, seguito dai connazionali Andrea Migno, Marco Bezzecchi, Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini, mentre gli altri nostri portacolori concludono così: Tony Arbolino è 14°, Niccolò Antonelli è 20°, Dennis Foggia è 24°, Stefano Nepa è 29°.

La classifica

Cattura

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy