Moto3 Argentina Prove 2 Joan Mir precede Fenati e Bulega

Moto3 Argentina Prove 2 Joan Mir precede Fenati e Bulega

Il vincitore di Losail Joan Mir si conferma nelle seconde libere della Moto3 in Argentina a precedere i nostri Romano Fenati e Nicolò Bulega, rispettivamente 2° e 3°.

Joan Mir non concede tregua: è suo il miglior tempo anche in questa seconda sessione, il più rapido in assoluto in questa prima giornata a Termas de Rio Hondo. A più di mezzo secondo dallo spagnolo ci sono due italiani, vale a dire Romano Fenati e Nicolò Bulega, ma contiamo tra i primi dieci anche Nicolò Antonelli (quinto) ed Enea Bastianini (decimo).

Questa seconda sessione vede tutti i piloti in pista fin dai primi minuti, dando vita all’inizio ad un turno movimentato: quando i tempi (già migliori rispetto alle prime libere) si stabilizzano un po’ troviamo Fenati davanti a tutti, seguito da Martin e Ramirez, ma in top ten ci sono anche i due piloti dello Sky Racing Team VR46. La classifica rimane invariata fino a pochi minuti dalla fine, quando i tempi iniziano a cambiare: si fanno vedere Mir e Antonelli, ma è McPhee a rompere per primo la barriera di 1:51 portandosi in testa. Si lavora a lungo invece sulla moto del pilota di casa Gabriel Rodrigo, tornato al box dopo pochi giri e non in grado di completare questa sessione.

Ancora una volta è Joan Mir a chiudere in testa, lasciando Fenati, secondo, a più di mezzo secondo di distanza. Terza piazza per Nicolò Bulega davanti a John McPhee e Niccolò Antonelli, mentre è sesto Juanfran Guevara, che precede Darryn Binder e Aron Canet. Chiudono la top ten Livio Loi ed Enea Bastianini, risalito allo scadere, mentre questi sono i piazzamenti degli altri nostri portacolori: Andrea Migno è quattordicesimo, Fabio Di Giannantonio è sedicesimo, Lorenzo Dalla Porta chiude venticinquesimo davanti a Tony Arbolino e Manuel Pagliani, mentre Marco Bezzecchi è ventinovesimo.
Fine della conversazione in chat

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy