Moto2: Team SAG sperimenta un dispositivo meccanico anti-chatter

Moto2: Team SAG sperimenta un dispositivo meccanico anti-chatter

Sulla Kalex di Jules Danilo stanno provando un dispositivo meccanico per smorzare le vibrazioni

di Massimiliano Garavini
Moto2: Team SAG sperimenta un dispositivo meccanico anti-chatter

Secondo quanto riporta speedweek.de la squadra spagnola SAG Racing Team, di proprietà di Eduardo Perales – che vanta una carriera quasi trentennale in MotoGP come tecnico  a fianco di Àlex Crivillé, Sito Pons, Alex Barros, Alberto Puig, Carles Checa e Loris Capirossi – starebbe sviluppando un innovativo sistema per smorzare il fenomeno del chattering.

INGEGNO – Ottemperando al regolamento Moto2, che impedisce l’utilizzo di dispositivi elettronici per contrastare le fastidiose vibrazioni, la squadra di Barcellona ha testato a Valencia un curioso cilindro a tecnologia completamente passivo: si tratterebbe infatti di un’apparecchiatura, denominata ISSR, che si compone di un contenitore metallico all’interno del quale scorrerebbero un pistone molto pesante (si parla di tungsteno o di acciaio) oppure delle sfere. Tale smorzatore è apparso all’estremità del forcellone della Kalex di Jules Danilo. L’inerzia alle alte frequenze dovrebbe consentire una riduzione del chattering; non essendo – per regolamento – un dispositivo attuato elettronicamente o tramite apposito circuito idraulico, è ipotizzabile che l’effetto pratico sia piuttosto limitato. Secondo quanto riportato da speedweek.de, Perales, che oltre a essere il team owner è pure un tecnico di buon livello, ha investito molto nello sviluppo di questa tecnologia, anche se al momento «a volte funziona, a volte no».

VIA LIBERA – IRTA e Dorna pare abbiano già approvato il componente, quindi le Kalex affidate a Isaac Viñales e Jules Danilo potranno già utilizzarle, mentre nel 2017 sono state installate sulle moto perlomeno in otto gran premi. Perché nessuno se ne è accorto? Risponde Perales: «la gente si concentra sempre solo sui primi in classifica. Non siamo Ducati o Yamaha, ma abbiamo anche noi idee.» Resta comunque il fatto che il mondo dell’innovazione Moto2, pur nei limiti stringenti di regolamenti molto rigidi, lascia spazio a una certa dose di fantasia tecnica.

Foto credit: Fitti Weisse/speedweek.com

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. l.zecchin_417 - 4 mesi fa

    bene bene questi sono creativi peccato che 1 kg sulle masse non sospese conta come 8 sul totale meglio un bel forcellone a parallelogrammo Magni Docet….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy