Moto2 Sviluppo continuo, le novità dei “telaisti” impegnati

Moto2 Sviluppo continuo, le novità dei “telaisti” impegnati

KALEX con il doppio-scarico, KTM con una rinnovata veste aerodinamica: c’è fermento nella classe Moto2…

2 commenti

La Moto2 una classe poco interessante sotto l’aspetto prettamente tecnico? Può essere, complice il mono-motore Honda by ExternPro, ma in realtà nelle ultime gare i cosiddetti “telaisti” impegnati non stanno mancando nel presentare una serie di aggiornamenti tecnici, conseguenza di una ritrovata rivalità tra le engineering impegnate. Il ritorno di Suter ed il debutto (sensazionale in termini di risultati) di KTM hanno fatto suonare un campanello d’allarme in KALEX: a Bobingen non stanno dormendo sugli allori.

KALEX: DOPPIO-SCARICO E… – Al fine di proseguire la striscia ininterrotta di successi che prosegue da Termas de Rio Hondo 2015 (38 gare), KALEX engineering sta continuando a sviluppare il proprio telaio, lasciando tuttavia margine operativo alle squadre sul da farsi. Già pianificato il primo test della versione 2018 per il prossimo mese di settembre, il telaio 2017 ha subito sin dal principio diverse modifiche rispetto alla 2016 con un telaio doppio-trave in alluminio (peso 9kg) dalla medesima geometria, intervenendo tuttavia sulle rigidezze per far girare meglio la moto in curva. Le ultime novità riguardano più le squadre e l’impianto di scarico: Marc VDS e Forward, legate a SC-Project, hanno portato in pista nelle precedenti gare un doppio-terminale che ha fatto scuola. Stando ai rumors, a breve anche Akrapovic seguirà questa strada per i team KALEX, mutuando il medesimo concept intrapreso con KTM.

KTM: AERODINAMICA, MA NON SOLO – A proposito di KTM, dopo aver modificato in due distinte occasioni il telaio a traliccio tubolare dal novembre 2016, le attenzioni adesso sono incentrate più sull’aspetto aerodinamico, frutto di un recente test tenutosi al Mugello. A Jerez Miguel Oliveira e Ricky Cardus hanno portato in pista un nuovo cupolino dal differente design, più ampio e frutto di studi in galleria del vento a Ginevra. I prossimi step riguarderanno anche le sospensioni WP, “sorella” di KTM e… concorrente al seguito di diverse squadre KALEX (Pons, Sky VR46, carXpert Interwetten, ma anche Speed Up).

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabio.avoss_797 - 5 mesi fa

    Non ho ben capito se lo scarico è doppio con i cilindri accoppiati due a due o è doppia solo la sezione terminale, cioè il “silenziatore”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. l.zecchin_417 - 5 mesi fa

    Buonagiornata Alessio. bene KTM ha esordito in moto2 di fatto utilizzando una motorizzazione di un competitor in quanto si ventilava l’ipotesi poi forse scartata di poter trasformare la categoria in prototipi 600 motore libero. detto questo il brand cinese proprietario desidera rimanere con almeno un team in ogni categoria per avere la possibilita’ di crescere piloti da portare nella massima categoria altrimenti si rischia di fare come Ducati ( che per scelta sstrategica/ marketing ) corre solo nelle massime cat. GP e SBK e di fatto quando gli serve un pilota top si vede poi disposta a sborsare 25 mln di €uro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy