Moto2: Sam Lowes “Io e molte persone della squadra senza stipendio”

Moto2: Sam Lowes “Io e molte persone della squadra senza stipendio”

Sam Lowes parla di una stagione 2018 avara di risultati e difficile soprattutto sul piano economico, visti i problemi della squadra, con uno sguardo ottimista al 2019 con Gresini.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Si chiude un 2018 particolarmente difficile per Sam Lowes, senza dubbio la sua peggior stagione nella categoria intermedia del Motomondiale. Il pilota britannico, dopo l’unica annata vissuta in MotoGP con Aprilia, è tornato in Moto2 per competere in sella alla KTM del team Swiss Innovative Investors, ma non è andata come sicuramente si aspettava: non è mai riuscito ad avvicinarsi al podio, il suo miglior risultato è un quinto posto, seguito da altri quattro piazzamenti ai margini della top ten ed altri quattro arrivi a punti, per un totale di 49 lunghezze ed il 16° posto iridato finale, oltre alle tante cadute di cui si è reso protagonista.

Quel che si è venuto a sapere in seguito è che la struttura ha seri problemi di natura economica: un esempio è stato Jesko Raffin, fresco campione del CEV Moto2 proprio col team junior e costretto a disputare l’ultima gara stagionale con tuta Dynavolt (squadra con cui correrà in MotoE nel 2019) ed in sella ad una Suter del team Stylobike invece che con la KALEX con cui ha corso per tutta la stagione. Proprio per questa grave crisi economica infatti non compare Swiss Innovative Investors nella entry list per il Mondiale 2019, problema che coinvolge anche il pilota della squadra, Iker Lecuona, dato al via ma senza troppe certezze. Sam Lowes, appunto ex pilota della struttura, sottolinea come questo sia un problema non così recente.

“Una stagione molto difficile sia per me che per la squadra” ha dichiarato l’iridato Supersport 2013, ospite a BT Sport. “Ci sono stati tanti problemi di natura economica, io e molte persone della squadra non siamo stati pagati. Ne ha risentito anche l’aspetto tecnico, che è peggiorato costantemente nel corso della stagione.” “Non voglio trovare scuse” ha puntualizzato Lowes. “C’è stato qualche problema meccanico che avrei potuto gestire meglio, ma in generale è andata così. C’erano troppe situazioni particolari in ballo, ma ho trovato qualcosa di meglio e l’anno prossimo riuscirò sicuramente a dimostrare qualcosa di più.”

Nel 2019 infatti Sam Lowes sarà al via con Federal Oil Gresini Moto2, squadra con cui ha già corso nel 2016 ottenendo due successi ed altri quattro piazzamenti sul podio. I primi test ufficiali svolti dal 23 al 25 novembre sono stati decisamente positivi per il britannico, che ha chiuso con il secondo miglior crono a poco più di due decimi da Marini. “Fin dal primo giro mi sono sentito bene sia con la moto che con la squadra” ha detto a test conclusi. “Il nuovo motore si adatta molto bene al mio stile di guida, la moto è divertente da guidare e sono già riuscito a migliorare qualcosa, un aspetto importante per l’anno prossimo.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy