Moto2 Punto tecnico: Il grande ritorno della Suter

Moto2 Punto tecnico: Il grande ritorno della Suter

Il costruttore svizzero, messo all’angolo da Kalex, nel 2017 torna a ruggire con team e piloti di punta

Gli svizzeri pionieri della Moto2 ultimamente erano quasi scomparsi. Ma Suter  sta per tornare in grande stile e   Kalex vede traballare il suo primato di moto preferita.

Non è male la Speed UP, non era male neanche la Suter, ma la conquista della griglia da parte della Kalex è  stata inesorabile e ha cambiato la storia della Moto2. Più facile avere riferimenti, più facile avere dati e quindi metterla a punto. Nella categoria meno tecnica di tutte, il rientro di Suter riporta vitalità e a spunti tecnici per un 2017 che si annuncia caldissimo.

LOW COST – Suter avrebbe trattative già  avanzate con il team Dynavolt e con Garage Plus Intervetten, che però sembra indirizzato a schierare moto diverse dato che Luthi vorrebbe continuare con Kalex.  Suter costerà meno (gli serve per rientrare nel mercato) e avrà politiche più elastiche. Le squadre non saranno costrette a comprare da Kalex tutto il materiale e i ricambi (sella, pedane e manubri inclusi)  ma potranno scegliere. Al momento il famoso “catalogo Kalex” comprende proprio tutto. E questo annulla la possibilità di avere partner tecnici e sponsorizzazioni sotto forma di materiale.

SFIDA DI MOLLE –  Ohlins è all’arrembaggio. WP è di proprietà di KTM e molti non hanno gradito l’eventualità che l’azienda di sospensioni possa aver fornito alla sua capogruppo un bel po’ di dati di varie squadre, proprio adesso che la casa Austriaca debutta in Moto2. Sembrano sciocchezze ma non lo sono. In Moto2 anche le piccole cose fanno la differenza. Con il motore unico per vincere bisogna provarle davvero tutte. Dall’anno prossimo le opzioni aumenteranno drasticamente.

Misano Moto2 Prove libere 2 cronaca e classifica

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy