Moto2 Misano, Prove 3: Miguel Oliveira all’ultimo su tutti

Moto2 Misano, Prove 3: Miguel Oliveira all’ultimo su tutti

Miguel Oliveira realizza un gran giro finale, chiudendo le FP3 in testa. Seconda piazza per Augusto Fernández davanti a Francesco Bagnaia.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Proprio a fine sessione, arriva Miguel Oliveira: il pilota Red Bull KTM Ajo, autore di un turno in sordina fino a quel momento, completa un ultimo giro che gli vale la prima piazza sia nelle FP3 che in classifica combinata. Un segnale in vista delle qualifiche (e della gara) al leader iridato Francesco Bagnaia, terzo a soli 63 millesimi, mentre tra loro c’è Augusto Fernández, che per solo un millesimo chiude davanti all’italiano. Qualifiche da non perdere, al via alle 15.05 .

Nei primi minuti registriamo già una doppia caduta alla Quercia, che vede coinvolti Mir e Tuuli: lo spagnolo, scivolato per primo, è costretto a tornare ai box a piedi viste le condizioni della moto, mentre il finlandese riesce a ripartire. Poco dopo finisce a terra anche Vierge, stavolta al Carro, senza conseguenze. La situazione si stabilizza a circa metà turno, quando Schrötter prende il comando davanti a Marini, Fernández e Marquez, ma sono tante le cadute in questa sessione: oltre ai piloti già citati, scivolano anche Marquez, le wild card Sheridan Morais e Xavier Cardelús, Tuuli (una seconda volta).

A sorpresa proprio all’ultimo ecco spuntare Miguel Oliveira, che proprio alla bandiera a scacchi realizza il miglior giro del turno e della classifica combinata, staccando di 62 millesimi Augusto Fernández, mentre Francesco Bagnaia è terzo ad un millesimo dallo spagnolo. Quarta piazza per Marcel Schrötter davanti a Mattia Pasini, Luca Marini, Andrea Locatelli e Lorenzo Baldassarri, mentre chiudono la top ten Fabio Quartararo e Joan Mir. Così gli altri italiani: Romano Fenati è 16°, Simone Corsi è 18°, Stefano Manzi è 28°, Federico Fuligni è 30°.

La classifica

Cattura

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy