Moto2 Aragón, Qualifiche: La prima pole position di Brad Binder

Moto2 Aragón, Qualifiche: La prima pole position di Brad Binder

Brad Binder conquista la prima casella in griglia ad Aragón, sopravanzando all’ultimo Marcel Schrötter e Jorge Navarro.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Le qualifiche della categoria Moto2 si chiudono con un nome se vogliamo a sorpresa al vertice della classifica: Brad Binder beffa tutti proprio all’ultimo, risalendo dalla decima alla prima posizione e conquistando la prima pole position, primo sudafricano a riuscirci nella categoria intermedia dagli anni ’80 (con Kork Ballington). Marcel Schrötter, fino a quel momento al comando, deve ‘accontentarsi’ del secondo posto davanti a Jorge Navarro. In ottica iridata, Francesco Bagnaia è quinto, mentre Miguel Oliveira scatterà dal 18° posto in griglia. Alle 12.20 al via il Gran Premio della categoria intermedia.

A qualifiche appena iniziate, con tanti piloti già in battaglia per il miglior tempo, registriamo una prima caduta, una scivolata alla curva 9 di Marquez, che però riesce a ripartire riportando subito la moto ai box. Alla curva 8 poco dopo finirà a terra anche Manzi, ma non andrà meglio a Fernández, scivolato alla curva 15. In pista rimane a lungo al comando Schrötter davanti a Navarro ex aequo con Marquez, fino all’assalto finale alla pole position negli ultimi minuti.

Non tanti cambi in classifica, ma quello particolarmente significativo è il nome in testa: Brad Binder infatti riesce a beffare Marcel Schrötter per appena 74 millesimi, conquistando la prima pole in Moto2. Completa la prima fila Jorge Navarro, con Alex Marquez che scivola in quarta piazza davanti a Francesco Bagnaia ed a Mattia Pasini. Settima casella in griglia per Fabio Quartararo, a precedere gli italiani Lorenzo Baldassarri, Simone Corsi e Luca Marini. Così gli altri nostri portacolor: Andrea Locatelli è 16°, Stefano Manzo è 22°, Federico Fuligni è 32°.

La classifica

Cattura2

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy