Kevin Schwantz: ”Maverick Vinales dovrebbe restare in Suzuki”

Kevin Schwantz: ”Maverick Vinales dovrebbe restare in Suzuki”

Secondo Kevin Schwantz, Maverick Vinales dovrebbe restare in Suzuki per la stagione 2017 e non accettare l’offerta Yamaha.

1 Commento

In quest’ultimo periodo Maverick Viñales è decisamente il centro dell’attenzione mediatica per quanto riguarda il mercato piloti. Lo spagnolo infatti è il principale candidato ad occupare la sella lasciata libera da Jorge Lorenzo in Yamaha. Sull’argomento si è espresso anche Kevin Schwantz, convinto che Viñales, che ha ottenuto il primo podio in MotoGP proprio domenica scorsa a Le Mans, debba lasciar perdere l’offerta del team di Iwata e trascorrere una terza stagione in Suzuki.

Intervistato da Motorsport.com, il campione del mondo 500cc ha cercato di mettersi nei panni dello spagnolo: “Al suo posto, penserei a dove sono partito e dove sono arrivato a Le Mans. Se non fosse partito male, Maverick avrebbe fatto come Rossi e avrebbe lottato con Dovizioso e Marquez. Il suo ritmo a metà gara era molto simile a quello di Valentino“. Schwantz infatti è convinto che tra Suzuki e Yamaha ormai non ci sia più così tanta differenza: “Ho trascorso un po’ di tempo con i tecnici Yamaha prima della gara ad Austin e ho chiesto loro cosa pensasse Rossi della Suzuki. Secondo lui, nelle mani giuste è una moto vincente“.

Per Schwantz quindi i problemi in velocità evidenziati nel corso della passata stagione sono ormai un ricordo. “Certo, Ducati è ancora la più forte, ma se pensi al Qatar ed all’Argentina, il potenziale in rettilineo di Suzuki è ormai uguale a quello Yamaha“. Secondo lui quindi un Lorenzo o un Marquez in sella ad una Suzuki avrebbero potuto ottenere un successo quest’anno? “Sì, penso di sì“.

L’ex pilota però sottolinea un altro aspetto, ovvero il fattore Rossi: “Se decidi di andare in Yamaha, devi considerare il fatto di avere Valentino come compagno di squadra. Se ti sminuisce o ti supera, il tuo valore crolla. Se rimani in Suzuki non hai questo problema: puoi lavorare su te stesso, migliorare e diventare così un pilota più completo. Come ho detto, speri di avere anche il potenziale per lottare con le Yamaha e le Honda. Ti serve solo una buona combinazione di abilità, intelligenza in gara ed esperienza“.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcogurrier_911 - 1 anno fa

    Buongiorno,
    ….ha ragione Kevin…a mio avviso. Io rimarrei. Che spiccasse il volo li dove sta, anche Suzuki ha la sua Storia, senza il rischio di bruciarsi o di rispettare il più anziano e vittorioso campione di squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy