Esclusivo Marco Melandri torna in BMW come tester MotoGP

Esclusivo Marco Melandri torna in BMW come tester MotoGP

Ecco perchè l’ex iridato ha rifiutato la Yamaha SBK. Il colosso bavarese prepara lo sbarco in top class.

Una carriera con alti e bassi come nemmeno nel rock and roll o in un film. Treni presi scendendo una fermata prima del dovuto e una serie di lasciate e perse che a raccontarla ci si perde di sicuro anche lui. Tifosi divisi a metà e stampa che si sposta da una parte all’altra per equilibrare.

Marco Melandri solo negli ultimi due anni ha regalato un titolo Superbike al compagno dopo avergli preparato la moto e aver vinto un carosello di gare, ha ombreggiato in Motogp e si è poi parcheggiato da solo, rifiutando di ripartire più di una volta. L’ultima la settimana scorsa, un “no, grazie” sbattuto in faccia alla  Yamaha SBK. Il pilota a piedi su cui è stato scritto di più.  E alla fine si trova dentro ad un progetto X tipo Mission Impossible. E’ stato visto entrare in BMW dalla porta di servizio per una cosa di cui nemmeno la metà dei vertici sportivi sa nulla.

Forse a fine mese, forse a Brno, proverà l’esperimento tedesco destinato alla massima categoria. La BMW sta preparando lo sbarco in MotoGP. Non è la prima volta che succede, ma stavolta forse a Monaco fanno sul serio.  I 54 milioni di euro buttati sul tavolo da KTM (e Red Bull), come in una guerra fredda tutta germanica, devono aver accelerato  un progetto che i Bavaresi pensavano di poter vivere con più calma. “Firmi qui.Se deciderà di accettare questa missione e la cattureranno, noi dichiareremo di non conoscerla e negheremo la sua collaborazione. Questo nastro si autodistruggerà fra 10 secondi”.

Però i cattivi sanno sempre tutto.  O per lo meno quello che serve per dare questa notizia.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. manes - 1 anno fa

    Dire che Melandri ha preparato la moto a Guintoli è una falsità assurda. Come dire che gli ha fatto vincere il titolo. In Francia anche Baz aveva fatto passare Sykes, alla fine si parlava di due punti guadagnati da Guintoli, avrebbe vinto lo stesso alla fine nell’ultima gara. Come faceva a preparagli la moto se non riusciva neanche a preparare la sua? Pazzesco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mauro - 1 anno fa

    Certo che la MotoGP sta vivendo un periodo di grandissimo splendore come mai prima
    Con 7 costruttori (contando BMW) e piloti del genere…
    Volevo chiedere; le voci di un possibile ritorno di Kawasaki in MotoGP e lo sbarco dei malesi di Petronas con un loro prototipo sono plausibili?
    Grazie e complimenti per queste supernews

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mauro - 1 anno fa

    Ma BMW MotoGP si parla del 2018? O oltre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mikikawa - 1 anno fa

    come tester ci sta……pero’ pilota chi???non c’e’ tanto da scegliere in giro…tutti occupati…magari richiamerei elias come secondo…ma il primo pilota e’ da cercare col lanternino……

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy