Caso Stoner, niente test in Qatar

Caso Stoner, niente test in Qatar

La Ducati non è riuscita a trovare una soluzione praticabile. Casey sempre più ingombrante, dentro e fuori dal box…

Casey Stoner è atterrato in Qatar per niente. Il test con la Desmosedici inizialmente programmato per il 6-7 marzo non si può fare per motivi regolamentari e nella riunione svoltasi questa mattina, alla presenza dello Special Tester australiano, non è stata trovata una soluzione tecnica e organizzativa praticabile.

O forse non si è voluto, per lo stesso motivo per cui il lavoro di Stoner era stato programmato due giorni dopo la fine dei test Irta e non, come sarebbe stato più “normale”, insieme a tutti gli altri. Dopo tutto la Suzuki fa girare il collaudatore Takuya Tsuda insieme a Vinales e Aleix Espargaro, senza problemi. Perchè la Ducati non ha fatto la stessa scelta?

Evidentemente per non creare turbative all’interno del team, cioè problemi ai titolari Andrea Iannone e Andrea Dovizioso.   A questo punto cade anche l’ipotesi, alquanto suggestiva, che Stoner potesse tornare a correre in MotoGP nell’apertura del 20 marzo, sempre a Losail.

Adesso la confusione è ancora più grande perchè, aldilà del clamoroso errore di programmazione, CS27 continuerà comunque ad aleggiare su tutto l’ambiente ducatista. Immaginate che diranno i tifosi se il risultato del GP del Qatar non sarà pari alle attese. Fortuna che su quella pista la Desmosedici vola.

Ma forse è proprio questo che i dirigenti Ducati desiderano: creare l’alibi per mettere Stoner al centro di tutto il progetto…

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy