MotoAmerica Pittsburgh Gara 2 Roger Hayden: “Una vittoria per Nicky”

MotoAmerica Pittsburgh Gara 2 Roger Hayden: “Una vittoria per Nicky”

Roger Hayden vince Gara 2 della MotoAmerica Superbike a Pittsburgh, la dedica non poteva che essere per il compianto fratello Nicky…

Ci sono vittorie che hanno un significato speciale, senza eguali. L’affermazione di Roger Hayden in Gara 2 della MotoAmerica Superbike al Pittsburgh International Race Complex di Wampum (Pennsylvania), sotto questo punto di vista, oggettivamente è senza eguali per l’emozionante dedica al compianto fratello Nicky. A caccia di un successo sin dalla tragica scomparsa del “Kentucky Kid” dello scorso mese di maggio, RLH è riuscito in questo intento dopo aver superato due mesi difficili che hanno messo in discussione il prosieguo della sua carriera. “Ero proprio qui a Pittsburgh per un test privato il maggio scorso quando avevo ricevuto la notizia dell’incidente di Nicky in Italia“, ha rivelato Roger Hayden al parc fermé. “Ho vissuto un periodo difficile, ma la mia famiglia e la squadra mi ha dato la forza di andare avanti. Dedico questa vittoria a mio fratello: è sempre nel mio cuore“.

Una dedica speciale per una vittoria altrettanto speciale. Autore sabato della quinta pole position in otto round, nella prima manche Roger Lee Hayden si è dovuto arrendere alla competitività del bi-Campione in carica Cameron Beaubier e del suo compagno di squadra Toni Elias, ma l’indomani si è presentato in pista con il piglio giusto e con una (nuova) Suzuki GSX-R 1000 a puntino per ambire al massimo risultato. Scattato ottimamente dalla pole, all’avvio RLH ha preso il largo distanziando Beaubier, Hayes ed Elias nel confronto per la seconda posizione, troppo distanti per tentare di ricucire il gap.

La dedica di Roger Hayden al compianto fratello Nicky
La dedica di Roger Hayden al compianto fratello Nicky
Quando tutto sembrava volgere a favore del nativo di Owensboro, la caduta del cugino Hayden Gillim alla curva 1 (pilota OK dopo esser finito contro le gomme di protezione e la moto addirittura oltre il guard-rail) nel corso del dodicesimo giro ha comportato l’esposizione della bandiera rossa e, da regolamento, ha ri-azzerato tutto con un nuovo start per una gara articolata più soltanto sulla distanza di 6 giri. Cercando di non perdere la concentrazione, Roger ha gestito al meglio questa corsa sprint fronteggiando gli assalti finali di Toni Elias e Josh Hayes, centrando la seconda vittoria stagionale al culmine di un lungo digiuno che perdurava dal weekend vissuto in Virginia. Con Roger Hayden che ha tributato un emozionante omaggio al fratello Nicky, in virtù del secondo posto e del concomitante ritiro di Cameron Beaubier (KO al restart per un’escursione fuori pista alla curva 12) Toni Elias viaggia ormai spedito verso la conquista del titolo 2017. L’iridato Moto2 2010, con la seconda GSX-R 1000 di Yoshimura Suzuki, può ora annoverare 79 punti di vantaggio nella generale su Hayden e 85 su Beaubier, il tutto con la concreta chance di chiudere i giochi già tra due settimane al New Jersey Motorsports Park nell’ambito del penultimo appuntamento stagionale.

Se il quattro volte Campione AMA Superbike Josh Hayes (Graves Yamaha) ha celebrato le 300 presenze nel circus AMA/MotoAmerica con il terzo gradino del podio, quarto assoluto e vincitore di classe Superstock il giovane sudafricano Mathew Scholtz (Yamaha Westby Racing) ha portato a 64 le lunghezze di vantaggio in campionato su Jake Lewis (M4 Suzuki), sesto e preceduto sul traguardo anche da Bobby Fong (Kawasaki Latus Motors Racing). Nella top-10 dopo una superlativa Gara 1 ha concluso settimo Jake Gagne con la nuova Honda CBR 1000RR Fireblade SP2 del team RoadRace Factory a precedere il bi-Campione Superstock 1000 FIM Cup Sylvain Barrier (BMW Brixx Performance), tredicesimo con una Kawasaki Stock Anthony West dopo un rischio incredibile occorso nelle prove libere.

MotoAmerica Motul Superbike 2017
Pittsburgh International Race Complex
Classifica Gara 2

01- Roger Hayden – Yoshimura Suzuki Factory Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 6 giri
02- Toni Elias – Yoshimura Suzuki Factory Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.263
03- Josh Hayes – Monster Energy Yamalube Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 0.457
04- Mathew Scholtz – Yamalube Westby Racing – Yamaha YZF R1 – + 1.367 *
05- Bobby Fong – Quicksilver Latus Motors – Kawasaki ZX-10R – + 4.174 *
06- Jake Lewis – M4 ECSTAR Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 5.447 *
07- Jake Gagne – Genuine Broaster Chicken Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – + 6.278
08- Sylvain Barrier – Brixx Performance – BMW S1000RR – + 6.851
09- Danny Eslick – TOBC Racing – Yamaha YZF R1 – + 7.989 *
10- Kyle Wyman – Décor Brillance KWR – Yamaha YZF R1 – + 8.989
11- Bryce Prince – Hudson Motorcycles – Yamaha YZF R1 – + 10.204 *
12- Jason DiSalvo – Team WD-40 Scheibe Racing – BMW S1000RR – + 10.621
13- Anthony West – ADR Motorsports – Kawasaki ZX-10R – + 23.029 *
14- Max Flinders – Thrashed Bike Racing – Yamaha YZF R1 – + 38.893 *

* MotoAmerica Superstock 1000

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy