Supersport: Lucas Mahias si riprende in tribunale la vittoria di Portimao

Supersport: Lucas Mahias si riprende in tribunale la vittoria di Portimao

Lucas Mahias si riprende la vittoria conquistata a Portimao grazie al TAS, che annulla la squalifica comminatagli in Portogallo dalla FIM.

di Alessandro Palma

A round del Qatar appena iniziato, arriva un’importante notizia per quanto riguarda il Mondiale Supersport. Il TAS (Tribunale Arbitrale dello Sport) ha infatti restituito a Lucas Mahias la vittoria ottenuta lo scorso settembre a Portimao, originariamente persa per squalifica.

Ricordiamo cos’è successo: mentre stava dominando la gara, Mahias si è dovuto fermare all’ultimo giro per la foratura della gomma posteriore. Sembrava tutto perduto, ma la bandiera rossa sventolata poco dopo per la caduta di Borja Quero e Rob Hartog ha riacceso le speranze del transalpino, che sarebbe dovuto rientrare ai box entro cinque minuti dall’interruzione della corsa. Mahias è quindi ripartito con la gomma posteriore KO e nonostante un giro forzatamente lento e due cadute, è riuscito a rientrare ai box in tempo, sorprendendo e commuovendo appassionati e addetti ai lavori. Tutto bene, se non fosse per il fatto che alla curva finale Mahias è passato per una corsia interna scambiandola per quella che conduceva ai box (per la quale mancava ancora qualche metro). Un’infrazione piccola, ma sufficiente per convincere i giudici FIM ad annullare la grande impresa dell’alfiere GRT Yamaha.

Mahias non ha accettato la decisione della FIM e successivamente ha presentato ricorso al TAS. Come si legge nella nota diramata dalla FIM, il Campione del Mondo Supersport 2017 è stato ascoltato dal giudice Michele Bernasconi il giorno 22 ottobre e in seguito il Tribunale ha ufficialmente accettato il ricorso, restituendo al transalpino i 25 punti conquistati in Portogallo. Mahias si trovava quarto in campionato con 135 punti e ora è terzo a quota 160, rimanendo comunque troppo lontano dal leader iridato Sandro Cortese (188 punti) per potersi giocare il titolo. La decisione però provoca un piccolo, ma importantissimo, cambiamento in classifica: il distacco fra Cortese e l’inseguitore Jules Cluzel si riduce a soli 5 punti, invece di 6. Significa che vincendo in Qatar Cluzel sarebbe campione del Mondo, anche con Cortese 2°: a pari punteggio il francese sarebbe campione per maggior numero di vittorie conquistate. In precedenza invece al tedesco bastava il secondo posto.

Nel frattempo le prime prove libere in Qatar hanno visto davanti a tutti proprio Mahias, che ha battuto Cortese girando in 2’01.810 nei minuti finali. Terzo posto per Randy Krummenacher, che ha preceduto Federico Caricasulo e il rivale di Cortese Jules Cluzel. Rispettivamente 10° e 12° Raffaele De Rosa e Ayrton Badovini.

Photo Credit: Yamaha Racing

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy