Supersport day 2 Sessione 1 Chi ferma Kenan Sofuoglu?

Supersport day 2 Sessione 1 Chi ferma Kenan Sofuoglu?

Il turco, 4 volte campione del Mondo, si riprende lo scettro. Nel turno del pomeriggio le simulazioni di gara

Commenta per primo!

Kenan Sofuoglu ha lavato subito l’onta respingendo l’assalto del neo compagno di squadra Randy Krummenacher che lunedi, nel finale, gli aveva strappato il miglior tempo. Nella prima sessione del secondo e ultimo giorno di test Supersport a Phillip Island il campione in carica ha girato in 1’34″436, cioè 381 millesimi più forte di Krummy relegato in quarta posizione.

In ogni caso è sempre la Kawasaki ZX-6R del team Puccetti a dettare legge sul velocissimo tracciato del Victoria. Le restrizioni regolamentari imposte alla serie cadetta non hanno cambiato il panorama tecnico. Rispetto alla trionfale stagione scorsa la squadra italiana ha introdotto aggiornamenti ai freni, alla frizione e anche qualche ritocco al motore, oltre ovviamente al cambio di fornitore sospensioni, da Ohlins a WP.

La MV Agusta però non dorme e ha riportato il francese Jules Cluzel a ridosso del rivale diretto alla conquista del titolo, 1’34″606. “Il primo giorno c’è stato qualche problema, poi abbiamo trovato una solida base e d’ora in poi avanzeremo a piccoli passi, cercando di trovare quello che ci manca per ricucire il gap” ha sottolineato il francese. Che proprio su questo tracciato, due anni fa, ha riportato la Casa varesina al successo 35 anni dopo Agostini.

Avanza anche la Honda Lorini proiettando i tedesco Kevin Wahr al terzo posto, con 1’34″700. E’ dunque una Supersport sempre più in mano alle squadre italiane. Sarebbe il massimo se Lorenzo Zanetti, 5° tempo con la MV, domenica alle 13.30 (le 3.30 in Italia) completasse l’opera…

L’ultimo turno di precampionato si concluderà lle 7.40 ora italiana.

La classifica qui http://www.corsedimoto.com/gallery/phillip-island-qui-tutti-i-tempi-e-le-classifiche-wsbk-e-wss/

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy