Supersport Aragon Zaccone e Bassani a un soffio dal podio Mondiale

Supersport Aragon Zaccone e Bassani a un soffio dal podio Mondiale

Che debutto i due 17enni del Team Italia: quarto e quinto nel terzo round dominato dal solito Kenan Sofuoglu. Caricasulo sesto

Commenta per primo!

Ecco due campioncini che vanno fortissimo: Alessandro Zaccone (nella foto d’apertura)  e Axel Bassani, 33 anni in due, hanno sfiorato il podio al debutto nel Mondiale Supersport al Motorland Aragon, chiudendo rispettivamente quarto e quinto vicinissimi al dominatore Kenan Sofuoglu.

Kenan Sofuoglu 33° vittoria nel Mondiale
Kenan Sofuoglu 33° vittoria nel Mondiale

Il terzo round del Mondiale delle medie cilindrate non ha avuto storia, il turco campione del Mondo è partito dalla pole (record) e ha condotto per l’intera distanza firmando il 33° successo iridato, 71° podio in 107 gare: numeri che, aggiunti ai quattro titoli conquistati, sono da capogiro.

Sofuoglu ha controllato a breve distanza (poco più di un secondo) il compagno di squadra  Randy Krummenacher che resta leader in campionato con 13 punti sul vincitore. La Kawasaki torna padrona della situazione con la MV Agusta che non è riuscita a dare seguito  al colpaccio thailandese con Jules Cluzel solo quarto, battuto anche dal “satellite” Nico Terol per la prima volta a podio in Supersport.

Axel Bassani, 16 anni, 5° posto
Axel Bassani, 16 anni, 5° posto

Ma i veri protagonisti sono  stati i due baby del Team Italia al primo assaggio di Mondiale. Zaccone e Bassani sono rimasti incollati ai pezzi grossi giocandosi il podio fin quasi alla fine. Appena quattro secondi il distacco da Sofuoglu, che la dice lunga sul potenziale. Il duello in famiglia è stato appannaggio di Zaccone, 17 anni, per un niente su Bassani, che ne ha solo sedici. Andranno lontano, intanto hanno monopolizzato l’Europeo di categoria accorpato da questa stagione ai round continentali del Mondiale.

Foto Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy