Supersport 300 Donington Alfonso Coppola a caccia di Scott Deroue

Supersport 300 Donington Alfonso Coppola a caccia di Scott Deroue

Il Mondiale Supersport 300 si sposta a Donington per il quarto round stagionale. Scott Deroue favorito ma attenzione a Coppola e agli altri italiani.

Commenta per primo!

Archiviato il primo terzo di stagione con due vittorie di Scott Deroue e una di Marc García, il Mondiale Supersport 300 si prepara a vivere il suo quarto round stagionale sullo storico circuito di Donington Park e a regalarci un altro weekend all’insegna dello spettacolo.

Nonostante l’11° posto rimediato a Imola dopo un weekend difficilissimo, il pilota da battere è ancora Scott Deroue. Il giovane pilota olandese è ancora il leader del campionato con 55 punti e 14 lunghezze di vantaggio su Alfonso Coppola e conosce il tracciato di Donington in virtù dei suoi trascorsi nel campionato inglese, al quale ha preso parte nel 2015 e lo scorso anno gareggiando rispettivamente nel British Motostar (Moto3) e nel Pirelli National Superstock 600. La maturità mostrata in questo inizio di stagione, le due vittorie ottenute ad Aragon e ad Assen e l’ottimo quarto posto ottenuto lo scorso anno a Donington nella Superstock 600 inglese fanno sì che il pilota olandese sia anche stavolta il favorito numero 1 per la vittoria, anche se dovrà vedersela con molti avversari in gamba.

Il primo è il nostro Alfonso Coppola, reduce da due podi consecutivi e attuale leader (con margine) del trofeo blU crU R3 Challenge coordinato da Alberto Barozzi. Per “Foffy” il terzo posto di Assen e il secondo posto ottenuto a Imola dopo aver guidato quasi tutta la contesa rappresentano risultati decisamente incoraggianti e il pilota campano punterà a ottenere un altro piazzamento importante sulla pista situata vicino alla foresta di Sherwood, dove ha già corso quando correva nella European Junior Cup (settimo nel 2015 e quarto lo scorso anno).

Due dei piloti arrivati davanti a Coppola un anno fa nella gara inglese della EJC sono attualmente suoi avversari nella SSP300 e si tratta di Paolo Grassia (sul podio in entrambe le ultime due stagioni) e Mika Pérez (vincitore lo scorso anno), entrambi in cerca di riscatto dopo i problemi avuti nelle ultime due gare: il pilota del team WIL Sport Racedays Honda è caduto ad Assen e ha chiuso solo decimo a Imola per un problema al motore, mentre Grassia è reduce da una prestazione abbastanza deludente a Imola e, come lo spagnolo, uno zero per caduta ad Assen.

Chi si presenta a Donington più carico che mai è Marc García. Dopo aver iniziato la stagione come wildcard, l’ex-Red Bull MotoGP Rookies Cup di Castellbisbal è diventato presenza fissa del campionato con una terza Yamaha del team Halcourier Racing e a Imola ha colto una bellissima vittoria con un bel sorpasso su Coppola all’ultimo giro. Attesi a un’altra prova di forza i compagni di squadra di García Borja Sánchez (quarto e vicinissimo al podio in tutte e tre le gare svoltesi finora e terzo in campionato) e Dani Valle (secondo ad Aragon e 13° dopo essere partito 31° a Imola), così come il terzo classificato di Imola Mykyta Kalinin, Dorren Loureiro, Robert Schotman e Ana Carrasco.

Tornando all’Italia gli occhi sono puntati, oltre che su Coppola e Grassia, anche sul sempre ottimo Giuseppe de Gruttola e su altri giovani che hanno dato buoni segnali di crescita come il padovano Jacopo Facco (12° ad Assen e capace di entrare direttamente in Superpole 2 a Imola) e il maceratese Paolo Giacomini (9° dopo essere partito 23° ad Aragon e in seconda fila a Imola), senza dimenticarsi dell’italo-belga Angelo Licciardi, in ripresa dalla frattura del piede destro rimediata ad Assen.

A Donington vedremo il rientro dall’infortunio di Assen di Luke Hopkins e anche il debutto del turco Asrin Rodi Pak, chiamato dal team Puccetti Racing per sostituire l’infortunato Harun Cabuk in Inghilterra e a Misano, mentre non vedremo Troy Bezuidenhout. Il giovane pilota sudafricano ha annunciato sulla sua pagina Facebook di aver concluso la collaborazione col Team Tóth per “varie ragioni, in particolare la mancanza di budget e il fatto che sono troppo alto per una 300cc (si parla di quasi 1,90 m…)” e non è dato sapere se per Donington la squadra ungherese riuscirà a trovare un sostituto o sarà presente col solo Alex Murley.

Ma una certezza c’è: anche in Inghilterra assisteremo a una gara della SSP300 combattuta e ricca di sorpassi! E con Nicky Hayden nel cuore…

Foto: worldsbk.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy