Supersport 300 Assen Coppola “Un’emozione bellissima”

Supersport 300 Assen Coppola “Un’emozione bellissima”

Dopo essere diventato il primo italiano a salire sul podio nella nuova SSP300 Alfonso Coppola si racconta a Corsedimoto. Ecco cosa ci ha detto

Commenta per primo!

Ad Assen il Mondiale Supersport 300 ha vissuto un round molto emozionante durante il quale è emerso anche il talento del nostro Alfonso Coppola.

In una gara caratterizzata da bagarre continua e manovre al limite, “Foffy” ha battagliato per la vittoria senza mai esagerare e alla fine è riuscito a portarsi a casa un terzo posto di grande valore davanti al tanto pubblico accorso in circuito. Ora il 19enne campano del team SK Racing occupa la terza posizione in campionato a quota 21 punti ed è anche il primo pilota del trofeo Yamaha R3 blU crU Challenge in classifica. Ecco cosa ci ha detto dopo questo bel risultato.

Come ci si sente a salire sul podio ad Assen dopo una gara come quella di ieri?

È bellissimo! Ad Assen c’è sempre molta gente e salire sul podio davanti a tribune così affollate è davvero emozionante. Inoltre ho ottenuto questo risultato in un campionato nel mondo e questo rende tutto ancor più bello. 

Tra l’altro sei stato ancora una volta il primo pilota blU crU in classifica.

Essere arrivato ancora una volta al primo posto nel progetto blU crU è davvero positivo. Si può parlare di soddisfazione doppia!

C’è chi si è lamentato del comportamento di alcuni piloti durante la gara. Tu cosa pensi a riguardo?

Sono d’accordo. Molti piloti sono stati autori di sorpassi decisamente al limite e in più alcuni di essi uscivano ripetutamente dai limiti della pista. Penso sia necessario intervenire, perché gareggiare in questo modo è molto pericoloso.

Dopo due gare Scott Deroue (pilota che ha corso anche nella Red Bull Rookies Cup e nel Mondiale Moto3) è in testa al campionato a punteggio pieno. Secondo te cosa ha avuto in più in questo inizio di stagione?

Scott è un pilota esperto e questo finora gli ha permesso di fare la differenza, ma secondo me ad Assen ha vinto anche perché si è trovato al posto giusto nel momento giusto, dato che all’inizio faceva fatica a stare coi primi. Comunque finora la sua esperienza ha giocato un ruolo fondamentale…e aggiungo anche che è molto forte nelle rimonte!

Torniamo a te. Sei uno dei pochi piloti ad aver corso con la 300 già lo scorso anno nel CIV. Hai trovato grandi differenze tra CIV e Mondiale, anche a livello tecnico?

Il livello è molto più alto, ma a livello tecnico ho trovato poche differenze.

18216546_10158533349665487_453978624597248375_oQuest’anno corri con Yamaha dopo l’esperienza nel CIV con Honda. Puoi fare un paragone tra le due moto?

La Honda è molto più stabile nei curvoni veloci, mentre la Yamaha è più agile nelle curve strette e nelle chicane. A livello di motore la Honda ha più coppia, ma sul rettilineo è più efficace il propulsore della R3. Dopo aver corso con entrambe posso dire che la più competitiva delle due è la Yamaha.

Parlaci della tua esperienza nella European Junior Cup, campionato in cui hai corso nel 2015 e lo scorso anno.

È stata un’esperienza che mi ha fatto crescere tanto, perché mi ha permesso di conoscere le piste su cui si corre quest’anno e di lottare con piloti molto forti come Mika Pérez, Giuseppe De Gruttola e Paolo Grassia. Correndo lì sono anche migliorato molto nel corpo a corpo.

A quali campionati hai partecipato prima di approdare alla EJC?

Dal 2005 al 2008 ho fatto il Campionato Italiano Minimoto e nei due anni successivi ho preso parte ai trofei Honda HIRP (2009) e Extreme (2010). Successivamente ho partecipato al Campionato Italiano MiniGP 80cc nel 2011, alla Yamaha R6 Cup nel 2012 e al Campionato Italiano Amatori classe Pro Cup nel 2013. Nel 2014, invece, ho preso parte al Trofeo Honda CBR600 Italia.

Qual è la più grande soddisfazione avuta finora?

Il podio ottenuto due anni fa a Misano nella European Junior Cup, perché è stato il mio primo podio in un campionato europeo.

Chi è Alfonso Coppola nella vita di tutti i giorni? E in pista?

Lontano dalle piste sono un ragazzo normale a cui piace uscire e divertirsi con gli amici e ovviamente mi alleno tutti i giorni per essere sempre pronto a correre. Durante i weekend di gara, invece, cerco di rimanere sempre concentrato e di lavorare bene con la squadra e poi di sera mi piace svagarmi e parlare con gli altri piloti.

Tra due settimane c’è il weekend di Imola. Qual è il tuo obiettivo?

L’obiettivo è quello di migliorarsi dopo il podio di Assen e recuperare punti su Deroue. Speriamo di riuscirci!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy