Supersport 2018: Alfonso Coppola “Voglio vincere l’Europeo”

Supersport 2018: Alfonso Coppola “Voglio vincere l’Europeo”

Alfonso Coppola secondo classificato nel Mondiale Supersport 300 2017 si prepara a debuttare nell’Europeo Supersport e dice: “Devo adattarmi, ma punto molto in alto.”

Commenta per primo!

Nel 2017 si è svolta la prima stagione del Mondiale Supersport 300 e tra i talenti emersi c’è anche l’italiano Alfonso Coppola.

Classe 1997 di Poggiomarino, Coppola ha corso con la Yamaha YZF-R3 del team SK Racing e dopo aver vinto al Lausitzring ed essere salito sul podio in otto gare su nove (compresa la vittoria di Donington Park, poi persa per squalifica) ha chiuso al secondo posto a un solo punto dal Campione del Mondo Marc Garcia. Il pilota campano ha comunque trionfato nello Yamaha R3 bLU cRU Challenge e mostrato durante tutto l’arco della stagione costanza, maturità e lucidità. Queste caratteristiche gli saranno sicuramente utili nel 2018, quando parteciperà alle gare europee del Mondiale Supersport con la Yamaha R6 del team GRT Racing.

Coppola ha svolto poco prima di Natale una sessione di test a Cartagena con una Yamaha R6 e noi lo abbiamo intervistato per parlare di ciò, del 2018 e della stagione appena conclusasi. Ecco cosa ci ha detto.

Come sono andati i primi test con la nuova R6?

Sono andati molto bene. Il salto dalla 300cc alla 600cc è molto grande e ci vorrà del tempo per raggiungere il limite, ma sono convinto che la strada sia quella giusta. Comunque preciso che non ho girato con la moto che guiderò in Supersport. Si tratta di una Yamaha R6 che ho comprato io personalmente e il team GRT l’ha modificata in modo da renderla simile alla versione 2017.

Quando proverai la moto del team GRT?

La proverò a inizio febbraio. Faremo dei test già dal 12 al 14 gennaio 2018 a Jerez, ma ancora una volta con la mia moto.

Avevi mai guidato una 600cc prima?

Sì. A 14 anni ho fatto la Yamaha R6 Cup e successivamente ho partecipato al Trofeo Honda CBR600RR.

Ti sei già dato degli obiettivi per il 2018?

So che sarà una stagione molto dura e all’inizio voglio imparare il più possibile e crescere gara dopo gara. Ma il mio obiettivo è vincere l’Europeo Supersport e darò tutto per riuscirci.

Quali saranno i tuoi principali avversari nella lotta per il titolo europeo?

In Supersport vanno tutti molto forte e sarà difficile emergere. Comunque per il titolo penso che me la giocherò col vicecampione 2017 Rob Hartog e col Campione 2016 Axel Bassani.

Che rapporto hai con Federico Caricasulo e Lucas Mahias, tuoi futuri compagni di team?

Con Mahias ho solo scambiato qualche parola all’EICMA. Caricasulo lo conosco già meglio: abbiamo lavorato insieme alle selezioni per lo Yamaha R3 bLU cRU Challenge 2018 e abbiamo anche passato mezza giornata insieme all’EICMA. Mi sembra un bravo ragazzo ed è anche molto simpatico.

Nel 2017 hai disputato un’ottima stagione nel Mondiale Supersport 300. Cosa ti ha lasciato questa esperienza?

Il Mondiale Supersport 300 mi ha insegnato tanto: ho imparato a dare il massimo in ogni sessione e sono cresciuto tanto come pilota. In particolare ho imparato ad affrontare la battaglia corpo a corpo. Per vincere lì bisogna essere aggressivi e studiare bene gli avversari e questa esperienza mi ha insegnato appunto ad essere aggressivo e allo stesso tempo a rimanere lucido fino alla fine.

Tra l’altro hai vinto la prima edizione del bLU cRU Challenge. Sicuramente una bella soddisfazione.

È stato bellissimo vincere questo trofeo e per me è stato importante per trovare una sella per il 2018, dato che il premio per il vincitore era il posto nell’Europeo Supersport con GRT.

A proposito di passaggi di categoria: cosa pensi del fatto che il Campione del Mondo Supersport 300 Marc Garcia sia tornato al CEV Moto3 invece di andare in Supersport (qui l’articolo)?

Penso che la sua scelta sia ottima, perché conosce già la Moto3 ed è ancora giovane. Sfrutterà la sua esperienza e quanto imparato nel Mondiale Supersport 300 per far bene e magari avrà la possibilità di passare al Motomondiale.

Hai partecipato alle selezioni per il bLU cRU Challenge 2018 come coach e hai quindi visto all’opera i nuovi piloti selezionati per il Mondiale Supersport 300 (qui i nomi). Chi va tenuto d’occhio, secondo te?

Mi hanno impressionato tutti e in particolare terrei d’occhio l’olandese Dennis Koopman, che è andato forte e ha guidato davvero bene. Comunque mi piace molto anche il sammarinese Luca Bernardi. Ha già fatto bene nelle wild card di Imola e Misano e credo abbia le carte in regola per lottare coi big del Mondiale Supersport 300.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy