Superbike, Test Australia: Marco Melandri il più veloce, Rea e Sykes a terra

Superbike, Test Australia: Marco Melandri il più veloce, Rea e Sykes a terra

Marco Melandri il grande protagonista della prima giornata di Test a Phillip Island, finiscono a terra entrambe le Kawasaki: Jonathan Rea e Tom Sykes illesi.

di Redazione Corsedimoto
Marco Melandri comanda i Test SBK in Australia

Sventola il tricolore al termine dell’inaugurale giornata di Test ufficiali DWO del Mondiale Superbike al Phillip Island Grand Prix Circuit. A pochi giorni dal primo weekend di gara, Marco Melandri in 1’30″726 stampa il miglior riferimento cronometrico di giornata, primo ed unico ad infrangere il muro dell’1’31” distanziando le due Kawasaki Ninja ZX-10RR ufficiali di Tom Sykes e Jonathan Rea, con quest’ordine alle sue spalle ed entrambi incappati in due distinte cadute senza conseguenze.

MELANDRI DAVANTI A TUTTI – Su di un tracciato dove si è sempre espresso al meglio conquistando lo scorso anno, al rientro nel Mondiale Superbike, un posto sul podio in Gara 2, Marco Melandri ha ribadito i propositi ambiziosi per la stagione 2018. Facendo tesoro dei riferimenti acquisti nei pregressi test invernali, con la Panigale R (velocissima in rettilineo: oltre 300 orari di top speed) schierata dall’Aruba.it Racing Ducati Superbike Team in virtù dell’1’30″726 siglato nella mattinata si è aggiudicato la “pole” odierna, mettendo oltretutto in mostra un buon passo gara. Phillip Island da sempre esalta le doti del pilota ravennate, particolarmente in palla come testimonia il distacco rifilato ai suoi più diretti inseguitori: 3 e 5 decimi rispettivamente a Tom Sykes e Jonathan Rea, via via tutti gli altri con l’altra Ducati di Chaz Davies (in ripresa dal recente infortunio) a seguire.

REA E SYKES, PARTENZA COL BOTTO – Se per Marco Melandri tutto è andato per il verso giusto, non si può dire lo stesso al box Kawasaki KRT. Nella mattinata il tri-Campione del Mondo in carica Jonathan Rea è incappato in una rovinosa caduta alla curva 11, sventura analoga occorsa nel pomeriggio per il suo compagno di squadra Tom Sykes. In casa Provec due Ninja ZX-10RR da risistemare, ma la buona notizia è che entrambi sono usciti illesi da queste battute d’arresto che hanno parzialmente compromesso il programma di lavoro previsto per la giornata odierna.

CAMIER SI CONFERMA – Alle spalle dei soliti noti la buona notizia è la conferma della competitività di Leon Camier, quarto assoluto con la Fireblade di Red Bull Honda senza elettronica Magneti Marelli (debutto in gara soltanto dai round europei?) a precedere la Yamaha R1 di Michael van der Mark, quinto con un buon giro nel turno pomeridiano riscattando la caduta senza conseguenze della mattinata. La top-10 premia nell’ordine anche Xavi Fores (6° confermatosi ad alti livelli con Barni Ducati), Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia), Alex Lowes (Pata Yamaha), Jordi Torres (OK dopo una caduta con l’unica MV Agusta F4) ed il già menzionato Chaz Davies, decimo con il rientrante Loris Baz (Althea BMW), Lorenzo Savadori (12°, Milwaukee Aprilia) e l’attesissimo rookie Toprak Razgatlioglu (Puccetti Kawasaki) a seguire. Domani la conclusiva giornata di test, poi da venerdì il via ufficiale della stagione 2018.

MOTUL FIM Superbike World Championship 2018
Test DWO Phillip Island, Classifica 1° Giorno

01- Marco Melandri – Aruba.it Racing Ducati – Ducati Panigale R – 1’30.726
02- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team WorldSBK – Kawasaki ZX-10RR – + 0.341
03- Jonathan Rea – Kawasaki Racing Team WorldSBK – Kawasaki ZX-10RR – + 0.533
04- Leon Camier – Red Bull Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 0.828
05- Michael van der Mark – Pata Yamaha Official WorldSBK Team – Yamaha YZF R1 – + 0.956
06- Xavi Fores – Barni Racing Team – Ducati Panigale R – + 0.980
07- Eugene Laverty – Milwaukee Aprilia – Aprilia RSV4 RF – + 1.147
08- Alex Lowes – Pata Yamaha Official WorldSBK Team – Yamaha YZF R1 – + 1.188
09- Jordi Torres – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F4 – + 1.220
10- Chaz Davies – Aruba.it Racing Ducati – Ducati Panigale R – + 1.328
11- Loris Baz – GULF Althea BMW Racing Team – BMW S1000RR – + 1.431
12- Lorenzo Savadori – Milwaukee Aprilia – Aprilia RSV4 RF – + 1.725
13- Toprak Razgatlioglu – Kawasaki Puccetti Racing – Kawasaki ZX-10RR – + 2.024
14- Roman Ramos – Team GoEleven Kawasaki – Kawasaki ZX-10RR – + 2.075
15- Leandro Mercado – Orelac Racing VerdNatura – Kawasaki ZX-10RR – + 2.332
16- Wayne Maxwell – Yamaha Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 2.454
17- Jake Gagne – Red Bull Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 2.564
18- Ondrej Jezek – Guandalini Racing – Yamaha YZF R1 – + 2.572
19- Yonny Hernandez – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10RR – + 2.809
20- Troy Herfoss – Penrite Honda – Honda CBR 1000RR – + 2.926
21- Daniel Falzon – Yamaha Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 3.343
22- PJ Jacobsen – TripleM Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 3.684

Photo Courtesy WorldSBK

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy