Superbike: Stefan Bradl lascia la Honda, vuole tornare in MotoGP

Superbike: Stefan Bradl lascia la Honda, vuole tornare in MotoGP

La Gazzetta dello Sport in edicola oggi rivela che il tedesco potrebbe essere ripescato da Marc VDS.

Commenta per primo!
Stefan Bradl in primo piano nel box Honda Superbike

Superbike, la Honda si prepara a far debuttare Davide Giugliano nel round tedesco (19-20 agosto) ma in ottica 2018 potrebbe perdere Stefan Bradl, L’ex iridato Moto2 sta trattando il ritorno in MotoGP con Marc VDS.

Lo anticipa la Gazzetta dello Sport in edicola stamane, venerdi 11 agosto. La squadra satellite che fa capo al milionario belga Marc van der Straten (mister Birra Artois) avrebbe voluto riprendersi Scott Redding, che con questa struttura ha gareggiato in Moto2, sfiorando il Mondiale. Ma sul pilota britannico tagliato da Pramac (ieri l’annuncio ufficiale di Jack Miller) c’è il veto della Honda. Così è spuntata l’ipotesi Bradl.

Stefan è molto deluso dalla mancata competitività della Honda CBR1000RR Fireblade SP2: al momento è appena 13° in classifica generale, con un sesto posto (Assen) come miglior piazzamento. Ma ci sono anche dissapori crescenti con la squadra riguardo le linee di sviluppo. Bradl infatti ha chiesto con insistenza di passare all’elettronica Magneti Marelli, che Honda ha utlizzato sulle moto ufficiali impegnate alla 8 Ore di Suzuka. Ma Honda Europa per adesso ha risposto picche. Rinvigorita in questa scelta anche dall’opinione di Davide Giugliano che dopo le due giornate di test, sempre al Lausitzring, ha parlato molto bene dell’elettronica britannica Cosworth, che è anche partner per lo sviluppo motore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy