Superbike Qatar: Jonathan Rea “Superato Bayliss? Volevo solo battere Davies”

Superbike Qatar: Jonathan Rea “Superato Bayliss? Volevo solo battere Davies”

Il Cannibale continua a mietere successi e record. E spiega perchè è diventato invincibile…

Commenta per primo!
Rea, Davies e Melandri il podio di gara 1 del round Qatar del Mondiale Superbike, Losail 3 novembre 2017

Jonathan Rea corre nella storia: tre Mondiali (tutti conquistati con congruo anticipo…), 15 trionfi in questa stagione, 53 in carriera, uno in più del mitico Troy Bayliss. In Qatar, dove non aveva mai vinto (e nanche la Kawasaki) punta la doppietta per stabilire anche il record assoluto di punteggio, 556 punti contro 552 di Colin Edwards 2002 (qui cronaca e classiche di gara 1)

“E’ bello averne una più di Troy ma le statistiche non le guardo neanche, io voglio vincere le gare” è la visione di Jonathan Rea. “In Qatar non avevo mai vinto e sono venuto qui consapevole che battere Chaz Davies sarebbe stato molto difficile: anno scorso era andato forte, ci aveva dato una bella lezione.”

Sei sempre stato forte, adesso imbattibile. Qual è il segreto?

“In effetti in questo finale sto andando davvero bene. Ovviamente è anche una questione di moto, la Kawasaki è migliorata molto specie come ciclistica, adesso guido con molta più confidenza di quanto non avessi nel 2016. Ma non è solo questo…”

E’ migliorato anche il pilota?

Certo. Sto guidando più forte di sempre, mi sento al top mentalmente e anche fisicamente. Non ero mai stato così in forma. Ho cambiato metodo di allenamento, adesso faccio le cose giuste per andare sempre più forte. Se pensate che sia solo questione di moto siete fuori strada. Vincere è una combinazione di molte cose…

Superbike Qatar Cronaca e classifiche di gara 1 

Superbike Qatar Sylvain Guintoli preso a sassate

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy