Superbike Phillip Island Prove 2: Guintoli fa volare la R1

Superbike Phillip Island Prove 2: Guintoli fa volare la R1

Sylvain Guintoli con la R1 ufficiale di Pata Yamaha Crescent è il più veloce della seconda sessione di prove della Superbike a Phillip Island davanti a van der Mark, Rea e Sykes

Tutti a caccia di un tempo utile per garantirsi un posto tra i dieci eletti per la Superpole-2, un’opportunità che non si è certamente lasciato scappare Sylvain Guintoli. A 16 minuti dal termine della seconda sessione di prove libere del Mondiale Superbike al Phillip Island Grand Prix Circuit il Campione del Mondo 2014 ha proiettato la R1 ufficialmente iscritta sotto le insegne Pata Yamaha in cima al monitor dei tempi con un riferimento cronometrico di 1’30″865, primo e finora unico pilota in grado di infrangere il muro dell’1’31” nel corso del fine settimana. Sul tracciato dove già vinse da pilota Aprilia in due distinte occasioni (Gara 1 2013, seconda manche nel 2014), l’originario di Montelimar ha ribadito il potenziale velocistico espresso nei test pre-evento portando davanti a tutti la Yamaha, al ritorno nel World SBK dopo quattro stagioni d’assenza dal ritiro formalizzato al termine del 2011.

Una soddisfazione per il trinomio Guintoli-Yamaha-Crescent, in evidenza nel (ventoso) venerdì sul circuito di Victoria che ha proposto tanti altri protagonisti nelle posizioni che contano della graduatoria. Subito in grado di spiccare un 1’31″249 niente male, Michael van der Mark ha concluso secondo con la Fireblade SP iscritta con i colori Honda World Superbike Team a 0″384 dall’ex compagno di squadra Guintoli, meglio rispetto alla coppia Kawasaki formata dal Campione del Mondo in carica Jonathan Rea (3° a 0″459) e Tom Sykes (4° a 0″498 dopo il miglior tempo di stamattina) separati tra loro da soli 39 millesimi e seguiti da Leon Camier, velocissimo con la F4 RC ufficiale di MV Agusta Reparto Corse segnando il 5° crono assoluto in 1’31″445, conferma che l’1’31″650 della mattinata non è stato un exploit occasionale.

Nel novero dei dieci piloti qualificatisi direttamente per la decisiva Superpole-2 c’è spazio anche per Nicky Hayden con la seconda Honda Ten Kate, 6° a precedere il duo Aruba.it Racing Ducati formato dal nostro Davide Giugliano (7°) e Chaz Davies (8°) più un grandissimo Lorenzo Savadori, già 9° (!) senza aver mai provato prima di lunedì la Aprilia RSV4 RF Ioda, autore di un brillante guizzo in 1’31″725 che gli ha permesso di accedere alla SP2 insieme al bi-Campione IDM Markus Reiterberger, rimarchevole con la prima BMW S1000RR Althea. Dovranno invece passare per la ‘tagliola’ della SP1 Alex Lowes (fuori per 33 millesimi, ma a quasi 1″ dal compagno di squadra Guintoli), Roman Ramos (Kawasaki GoEleven, 12°) e Jordi Torres (Althea BMW, 14°) così come Alex De Angelis, nel giorno del suo 32esimo compleanno classificatosi 16° e preceduto dalla wild card. Mike Jones con la Panigale del DesmoSport di Troy Bayliss, il più veloce nelle libere dell’Australian Superbike questa mattina.

Davanti a questi nomi figura con il 13° tempo Xavi Forés, sfortunatamente incappato al suo primo tentativo di time attack in una rovinosa caduta alla velocissima piega sinistrorsa della ‘Swan Corner’ rimediando una profonda abrasione al ginocchio destro. Finito a terra nel corso della sessione rimediando la frattura del malleolo mediale sinistro Toprak Razgatlioglu, 19enne Campione Europeo STK600 in carica occasionalmente al via del WSBK con Grillini Kawasaki in sostituzione dell’infortunato Josh Hook, mentre ha limitato le attività in pista allo stretto indispensabile l’ungherese Peter Sebestyen a seguito di una lacerazione alla gamba sinistra riscontrata al termine della FP1. Per il pilota dai trascorsi nel Mondiale 125cc si prospetta un esordio stagionale tutto in salita.

Superbike GP Australia gli orari delle dirette Mediaset

Superbike tutta la stagione 2016 in diretta sui canali Eurosport

MOTUL FIM Superbike World Championship 2016
Yamaha Finance Australian Round
Phillip Island Grand Prix Circuit, Classifica Combinata FP1-FP2 *

01- Sylvain Guintoli – Pata Yamaha Official WSBK Team – Yamaha YZF R1 – 1’30.865
02- Michael van der Mark – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 0.384
03- Jonathan Rea – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 0.459
04- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 0.498
05- Leon Camier – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F4 – + 0.580
06- Nicky Hayden – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 0.610
07- Davide Giugliano – Aruba.it Racing Ducati – Ducati 1199 Panigale R – + 0.662
08- Chaz Davies – Aruba.it Racing Ducati – Ducati 1199 Panigale R – + 0.728
09- Lorenzo Savadori – IodaRacing Team – Aprilia RSV4 RF – + 0.860
10- Markus Reiterberger – Althea BMW Racing Team – BMW S1000RR – + 0.927
11- Alex Lowes – Pata Yamaha Official WSBK Team – Yamaha YZF R1 – + 0.960
12- Roman Ramos – Team GoEleven – Kawasaki ZX-10R – + 1.165
13- Xavi Forés – Barni Racing Team – Ducati 1199 Panigale R – + 1.205
14- Jordi Torres – Althea BMW Racing Team – BMW S1000RR – + 1.505
15- Mike Jones – Desmo Sport Ducati – Ducati 1199 Panigale R – + 1.611
16- Alex De Angelis – IodaRacing Team – Aprilia RSV4 RF – + 1.665
17- Sylvain Barrier – Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1.688
18- Joshua Brookes – Milwaukee BMW – BMW S1000RR – + 1.839
19- Toprak Razgatlioglu – Grillini Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 2.594
20- Karel Abraham – Milwaukee BMW – BMW S1000RR – + 2.626
21- Dominic Schmitter – Grillini Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 3.378
22- Saeed Al Sulaiti – Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 3.996
23- Peter Sebestyen – Team Toth – Yamaha YZF R1 – + 4.044
24- Imre Toth – Team Toth – Yamaha YZF R1 – + 5.026

* Dal 1° al 10° ammessi alla Superpole-2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy