Superbike Phillip Island Le parole dei piloti dopo gara 1

Superbike Phillip Island Le parole dei piloti dopo gara 1

Ecco le dichiarazioni ufficiali dei protagonisti di gara 1 del round australiano del Mondiale Superbike

Commenta per primo!

Jonathan Rea – 1° classificato

“Mi aspettavo di essere veloce perchè ho una grande squadra con Pere (l’ex pilota Riba, capotecnico, ndr) e tutti gli altri. Ho dato loro piena fiducia, hanno fatto un piano di lavoro fin dai test di novembre e sta funzionando. Controllare la gara fin dall’inizio ed essere costanti su questa pista è assai difficile, ogni giro guardavo lo schermo gigante al tornante MG e ogni volta vedevo che eravamo in quattro e poi in tre. Negli ultimi giri ho dato tutto ma nel cartello dei box vedevo sempre +0. A tre giri dalla fine ho dato un altro colpetto ma Chaz era ancora lì. A quel punto ho capito che l’unico modo per vincere era chiudere la porta al tornante MG (in discesa, ndr) ma nel momento deciso l’ho completamente lasciato aperto! Sono riuscito a fermare la moto e poi ho accelerato per schizzare via. Non è stato un ultimo settore impeccabile ma ho vinto e adesso ho i primi 25 punti in tasca. Sono felice perchè il lavoro paga sempre.”

Chaz Davies – 2ºclassificato

“È stata una battaglia divertente, con tanti sorpassi duri ma corretti. Avevo pianificato il sorpasso su Rea alla curva 10, ma lui ha allargato la sua traiettoria leggermente e sono stato costretto a stringere un po’ troppo in ingresso, senza riuscire a chiudere perfettamente la curva. Ero già al limite con la gomma anteriore ed ho dovuto mollare i freni, così è riuscito a sorpassarmi nuovamente. Sono comunque molto contento, rispetto allo scorso anno abbiamo fatto grandi passi avanti dal punto di vista dell’elettronica e nelle fasi finali di gara ero molto più a mio agio. Il duello con Rea avrebbe potuto tranquillamente avere un esito opposto, ed ora penserò ad una nuova strategia insieme alla mia squadra. L’obiettivo per domani è la vittoria”.

Michael van der Mark – 3° classificato

“Bellissimo questo podio! A mattino ero stato molto consistente e mi sentivo bene sulla moto. Ho preso una bella partenza e tenevo il ritmo molto agevolmente. Stavo cercando solo di salvare la gomma posteriore. Ho fatto una bella battaglia con le due Ducati, è stata una grande gara. Ero più veloce in alcune curve, loro in altre, per cui è stata una bella battaglia. Alla fine avrei voluto dare di più ma la gomma anteriore era ormai andata, così era difficile restare a contatto con Rea e Davies. Per domenica devo migliorare un po’ e vedremo che succederà”

Davide Giugliano  – 4º classificato

“È stata una gara molto bella, sia per noi piloti che per il pubblico. Questa pista non era associata a dei bei ricordi per me, visto che un anno fa mi ero infortunato proprio qui nei test pre-stagione. Oggi invece ho mancato di un soffio la pole position ed ho lottato per il podio fino all’ultimo. Per me si è trattato innanzitutto di un buon rientro a sette mesi da un grave infortunio. Il podio era alla portata, peccato solo per un errore alla curva 4 che mi ha distanziato leggermente dal gruppo a pochi giri dalla fine. Insieme alla squadra, abbiamo lavorato duramente in questi mesi per trovare un assetto che mi permettesse di essere veloce per tutta la gara, e fare il giro veloce all’ultimo passaggio rappresenta una bella conferma. Abbiamo fatto un passo avanti, dobbiamo continuare in questa direzione e migliorare ancora per essere più competitivi domani”.

Tom Sykes – 5° classificato

“Penso che nessuno volesse stare davanti, io e Jonathan avevamo un bel ritmo ma ad un certo punto ho perso un po’ di terreno. Ne avevo troppi in mezzo e mi hanno fatto perdere il ritmo. Inoltre c’erano due curve dove perdevo troppo, vanificando il vantaggio che avevo in altri settori del circuito. Devo cercare di risolvere questo problema in vista di gara 2. Comunque ho preso un distacco inferiore rispetto alla mia media su questo tracciato. La stagione è lunga e domani c’è un’altra gara.”

Sylvain Guintoli – 6° classificato

“Il sesto posto è un buon risultato considerando che era la prima volta di questa nuova avventura con la Yamaha. Ma in realtà è stata una gara molto frustrante. Avevo la possibiità di andare molto più forte ma all’inizio sono rimasto imbottigliato. Cercheremo di trovare qualcosa che ci permetta di andare meglio nella gara di domenica. Con la R1 riesco a gestire bene le gomme e se troviamo più prestazione ci toglieremo soddisfazioni.”

Leon Camier – 7° classificato

“Sono grato alla squadra per l’ottimo lavoro svolto in questa prima gara. La moto sta rispondendo bene e sono molto soddisfatto anche del telaio e dell’elettronica. Ci manca giusto un pizzico di potenza in più ed è su questo che dobbiamo ancora lavorare. La partenza in gara è stata pessima ma appena sono riuscito a trovare il giusto ritmo, ho stabilito un buon passo gara e sono risalito dalla 17° alla 7° posizione; è stata una vera battaglia, con tanti piloti lungo la strada e tanti bei sorpassi. Ad ogni modo sono molto felice di come abbiamo lavorato e domani cercheremo di essere ancora più forti per gara 2.

Jordi Torres – 8° classificato

“Questa gara è stata la prima occasione di fare tanti giri tutti insieme. Ho avuto l’occasione di modificare il mio stile di guida e credo di esserci riuscito, anche se sento che mi manca fiducia nell’inserimento della curva, perché la sento muoversi quando invece vorrei lasciarla correre. Non riesco ancora a fare la massima piega subito e penso di avere bisogno di girare tanto e di continuare ad ascoltare quello che la mia BMW S 1000 RR mi dice. Nonostante la brutta partenza, la gara alla fine è andata bene, ho fatto una bella lotta con Leon Camier e anche con il mio compagno di squadra Markus, che oggi era fortissimo e mi spiace che sia scivolato.

Nicky Hayden – 9° classificato

La Superpole non era andata male, ho fatto un giro discreto e pensavo fosse sufficiente almeno per la seconda fila. All’inizio sono stato calmo, volevo vedere cosa succedeva, come andavano i miei nuovi avversari. Sfortunatamente verso metà gara ho cominciato a perdere grip sul davanti e l’unica cosa da fare era finire la gara senza fare errori. Bisogna capire se è stata la gomma, l’assetto o il mio stile di guida. Peccato perchè all’inizio è stato molto divertente. Complimenti a Michael e a tutto il team, domenica cercherò di migliore e di fare una gara consistente.”

Lorenzo Savadori – 12° classificato

“In un solo giorno ho sperimentato la gomma supersoffice da qualifica e l’ebbrezza di correre contro i piloti del Mondiale. E’ stata una bella esperienza, sono partito bene e stare per diversi giri col gruppo di testa mi è servito molto, ho visto che traiettorie fanno e molte altre cose. Poi la gomma posteriore è finita, ho capito che qui non bisogna pensare solo alla prestazione ma anche a non rovinare le gomme. Studio i dati e domani ci darò dentro di nuovo”

Markus Reiterberger – ritirato per caduta

È da quando ero bimbo che non vedevo l’ora di correre questa gara e poco prima che si spegnesse il semaforo mi sono sentito davvero felice e orgoglioso. La gara non è stata male, la partenza è stata ok, ero in una posizione centrale in mezzo a un bel po’ di piloti, ma sono riuscito a non perdere posizioni. Ho fatto una bella battaglia con Camier e Torres e siamo stati veloci fino alla fine. All’ultimo giro ho passato Nicky Hayden, che era in nona posizione. Poi ho fatto una scivolata all’ultima curva. Purtroppo iniziamo il mondiale a zero punti in una classifica che mi avrebbe assegnato il nono posto. Io sto bene, ma spero di avere maggior fortuna nella gara di domani, dove
spero di finire nella top ten”.

Alex De Angelis – ritirato per problema elettronico

“Peccato aver fatto solo tre giri, la gara sarebbe servita per verificare il mio fisico e anche capire meglio la moto. Da qui le moto andranno dirette in Thailandia, non ci sarà tempo per fare niente. Peccato anche perchè ero partito bene, non so dove sarei arrivato ma forse abbastanza avanti. Al terzo giro la moto ha avuto un problema d’elettronica, ho rischiato di cadere.”

Alex Lowes – ritirato per caduta

“Sono molto dispiaciuto di aver cominciato la stagione con una caduta. Avevo un buon feeling dopo l’ottimo lavoro compiuto nei test di inizio settimana. Abbiamo fatto di bei progressi e per gara gara 2 continueremo a lavorare senza sosta. Sono convinto di potermi prendere la rivincita.”

Xavi Fores – ritirato per problema fisico

“Sono molto dispiaciuto per come si sia evoluto il weekend. Insieme alla squadra abbiamo fatto un gran lavoro e sapevamo di poter essere competitivi, ma la caduta di ieri ci ha fermati e ha complicato tutto. Ora vediamo cosa dicono i medici per domani. La mia intenzione è quella di correre per prendere ancora più confidenza con la moto! Faremo sicuramente meglio nei prossimi round”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy