Superbike Motori: Ducati spinge e Kawasaki va in rosso

Superbike Motori: Ducati spinge e Kawasaki va in rosso

La pubblicazione della lista motori rivela cose interessanti: Ducati affidabilità perfetta, Kawasaki già due esclusi dalla lista. MV Agusta lavora sodo

3 commenti

Dorna ha rilasciato la lista aggiornata dopo Imola della situazione motori Superbike. Emergono rilievi assai interessanti sulle evoluzioni  tecniche sfornate dai reparti corse e sulla  strategia di gestione delle squadre. Ricordiamo che il limite è di sette motori per l’intera stagione, adesso di tredici round dopo la cancellazione e mancato recupero di Monza. Se viene sforato, ad ogni unità introdotta si parte due volte dalla pit line, cinque secondi dopo lo schieramento. Come leggere la tabellina qui sopra: i motori in verde sono ancora “in uso”, quelli in rosso non sono più utilizzabili.

La MV Agusta sta recuperando terreno grazie al nuovo motore
La MV Agusta sta recuperando terreno grazie al nuovo motore

DUCATI AVANZA – A Imola il team Aruba.it ha punzonato un nuovo motore sia per Chaz Davies che Davide Giugliano. Questo lascia supporre che entrambi i piloti abbiano avuto a disposizione un propulsore ulteriormente evoluto, e il risultato della pista è stato inequivocabile: Chaz ha fatto Superpole, doppietta e giro veloce su un tracciato dove in passato non aveva mai fatto un giro al comando!

KAWASAKI IN ROSSO – I tecnici di Jonathan Rea hanno escluso dalle rotazioni il secondo dei tre motori punzonati, non è detto siano rotti, visto che siamo al quinto round avranno raggiunto il limite di chilometraggio. In ogni evento, tra prove e gare, si percorrono circa 500 chilometri e un motore Superbike viene usato per circa 1200 chilometri, prima di essere avviato alla revisione. Anche Sykes ha perso un motore: limite di percorrenza oppure l’inconveniente del venerdi, attribuito a un problema al freno posteriore, era di ben altra natura? Le due Kawasaki sono comunque perfettamente in media e il fatto che siano stati punzonati appena tre motori lascia supporre che in Malesia, pista assai veloce,  possa arrivare qualche novità. Rea ringrazierebbe…

MV AGGRESSIVA – La marca varesina ha portato a Imola un motore evoluzione, Leon Camier lo ha sfruttato bene e adesso la F4 non è più così in difficoltà nel veloce. Sepang, coi suoi rettilinei e il gran caldo, sarà un esame più arduo. Camier ha già punzonato cinque motori, di cui due esclusi. Quindi la situazione, in caso di rotture, può diventare delicata. Tutto nella norma in Aprilia: Savadori ha registrato tre V4, di cui due ancora operativi.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. trevor - 1 anno fa

    Ma la MV non aveva utilizzato solo 1 motore fino allo scorso round? Vuol dire che solo a Imola ne ha usati 4 rompendone 2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Salve, abbiamo dei lettori super attentissimi! Risolto l’arcano: nella lista post Assen, che noi avevamo pubbicato, il dato relativo a Leon Camier era sbagliato. In reatà ne aveva già punzonati quattro. In effetti uno solo per 4 round ci era sembrato un pò poco… Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. trevor - 1 anno fa

        Ero rimasto stupito (piacevolmente!) da quel dato. Saluti

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy