Superbike Misano Lorenzo Savadori “Fores, manovra pericolosa”

Superbike Misano Lorenzo Savadori “Fores, manovra pericolosa”

Il 23enne Iodaracing Aprlia ci racconta cos’è successo alla seconda curva di gara 1

Commenta per primo!

Sorride ma chiaramente non è contento, Lorenzo Savadori. Ottenere la quinta posizione in griglia non deve essere stato semplice, lo testimoniano le caselle di partenza di un Davies e di un Giugliano tanto per citare qualche nome importante. Lorenzo era pronto all’assalto al podio, ma…

Xavi ha fatto una manovra molto azzardata. A mio avviso quel passaggio era impossibile, io ero già nella curva e lui è entrato a velocità altissima, con il risultato di togliermi la ruota davanti da terra. Mi dispiace un sacco, ci rimane il rammarico di quella che poteva essere una gara bella e positiva e invece è terminata alla seconda curva. A me fare chilometri inoltre serve.”

È un problema simile alla prima variante di Monza?

“Di simile hanno che sono due curve strette ma il paragone è troppo forzato: Misano come pista è più ampia, semplicemente a volte della gente tende un po’ ad esagerare. Può capitare, le gare sono così.”

Domani potrebbe piovere. Come sei messo sul bagnato?

“Ci faremo trovare pronti. Potessi scegliere preferirei l’asciutto, con il bagnato le cose diventano sempre un terno al lotto. Ad Assen con condizioni peggiori siamo arrivati quarti, in Malesia non eravamo a posto e siamo arrivati quattordicesimi. Oltretutto non è semplice portare avanti lo sviluppo e studiare i setup per le gare.”

Sacchi disse che le prime gare sarebbero state molto difficili. Avete colmato il gap con i primi?

“Non è affatto semplice, Kawasaki e Ducati vanno forte. Il team però è incredibilmente preparato, tra Ioda e Aprilia sto imparando tanto e piano piano ci avviciniamo sempre di più alla vetta.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy