Superbike Misano Jonathan Rea avverte la Ducati “Vado sempre all’attacco”

Superbike Misano Jonathan Rea avverte la Ducati “Vado sempre all’attacco”

Superbike Misano Jonathan Rea avverte la Ducati “Vado sempre all’attacco” Il Cannibale a caccia del 100° podio nel Mondiale. Davies e Melandri riusciranno a tenerlo a bada?

1 Commento

Il Mondiale Superbike approda a Misano sul tracciato che una volta era terreno di conquista Ducati. In 48 gare la Rossa ha trionfato 25 volte, con una striscia di ben undici vittorie consecutive nel periodo d’oro 2001-2006. (qui orari in pista e TV) Qui i biglietti Giovedi 15 giugno dalle 15 paddock aperto, gratis, per il tradizionale incontro coi piloti al paddock show. 

MITI – Troy Bayliss qui ha scritto pagine d’oro: sei trionfi. Ma da qualche anno a questa parte il vento è cambiato, adesso è la Kawasaki la moto da battere: sei trionfi di fila, tre con Tom Sykes e gli ultimi tre con Jonathan Rea che questo week end può tagliere il traguardo delle cento presenze sul podio (adesso sono 99)  con l’idea di incrementare anche il numero dei successi, che al momento sono 46, contro 59 del Mito Carl Fogarty e 52 di Troy Bayliss. 

CHAZ – La Ducati di oggi, nonostante l’impegno ufficiale, non ha la supremazia tecnica di una volta.  E schiera una coppia di piloti che a Misano non hanno mai brillato: Chaz Davies qui non è mai saluto sul podio, Marco Melandri in tre occasioni, ma senza vincere mai con le marche con cui ha gareggiato in precedenza, cioè Yamaha, BMW e Aprilia. Il pronostico dunque sembra segnato, a meno che i test del mese scorso non abbiano rimescolato le carte. 

CLASSIFICA – Davies riparte dal terzo posto in classifica, a 75 punti di distanza da Jonathan Rea che comanda la Superbike da due anni e mezzo, cioè da quando è salito per la prima volta sulla Kawasaki. Il ducatista  deve recuperare terreno anche nei confronti di Tom Sykes, scudiero della marca Akashi che si è fatto sotto al caposquadra Rea vincendo gara 1 a Donington Park, approfittando del problema alla gomma posteriore che aveva mandato Rea gambe all’aria. Melandri è quarto a -123 punti dalla vetta. 

RICORDI – Rea è  legato Misano  da un ricordo particolare, il primo successo (con la Honda) nella stagione 2009. “Arrivo carico a molla, nei giorni scorsi sono stato a casa, all’Isola di Man, spettatore delle gare del Tourist Trophy” ricorda il Cannibale. “Sarà un week end condizionato dalle alte temperature, abbiamo fatto specifici test per ridurre il consumo della gomma e sono particolarmente ottimista. Ho un buon vantaggio, ma la strada è ancora lunga e attaccare sempre è l’unica stretegia che alla fine premia.”  Per i ducatisti sarà un fine settimana ad alta tensione. Si comincia venerdì alle 09:45 con la prima sessione di qualifica, sabato alle 10:30 la Superpole e alle 13 gara 1, sulla distanza di 21 giri. Rivincita domenica, stessa ora. 

Superbike Misano Qui gli orari in pista e TV

Superbike Misano Qui trovi il tuo biglietto

Superbike La vigilia dei ducatisti Davies e Melandri 

Superbike Misano si rifà il look

Superbike Misano Honda schiera solo Stefan Bradl

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. l.zecchin_417 - 2 settimane fa

    Mondiale gia’ finito ancora prima di incominciare. aspettiamo il 2018
    se Davies si adattara’ alla nuova V4 made in Bologna……
    Questo lo puo’ solo perdere Rea se si infortuna

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy