Superbike Lorenzo Savadori “Punto alle posizioni che contano”

Superbike Lorenzo Savadori “Punto alle posizioni che contano”

Lorenzo Savadori debutta con Aprilia Milwaukee e prenota un posto nelle posizioni che contano. Il 23enne romagnolo sarà la sorpresa 2017?

Commenta per primo!

Lorenzo Savadori resta fino a tardi nel box a dare indicazioni ai tecnici di Milwaukee Aprilia. Meticoloso, carico, sorridente. A soli 23 anni l’ex campione della Superstock aspira a diventare la sorpresa della Superbike 2017 che parte sabato 25 febbraio alle 5 italiane. Nel 2016 è arrivato decimo finale, con quarto posto come miglior risultato (Donington) e podio sfiorato in parecchie occasioni. L’Aprilia ci punta moltissimo.

“Il bilancio dei test è positivo. Phillip island non la conosco bene, ci ho corso solo nel 2010 con la 125GP e un anno fa con la Superbike. Ma quella volta erano cinque mesi che non andavo in moto. Stavolta era importante riprendere un po’ la pista in mano. Dobbiamo colmare il gap da Kawasaki e Ducati che al momento sembrano quelli messi meglio. Siamo qui per questo.”

Cosa manca a Savadori e all’Aprilia?

Lorenzo Savadori 23 anni
Lorenzo Savadori 23 anni

“La ripetibilità.  Cioè essere veloci dall’inizio alla fine,  non stiamo andando tanto bene nei long run. Il giro secco c’è, ma stiamo lavorando anche su quello. L’Aprilia è una moto molto “da corsa”, è assai precisa e a volte non è semplice trovare la messa a punto migliore. Così diventa difficile da guidare.”

Dopo un anno di SBK ci sono molte aspettative su di te.

“Io riparto come anno scorso,  ci metto sempre il cento per cento. Ovviamente mi sento meglio di un anno fa, adesso conosco la moto e anche la categoria. Dalla Superstock alla Superbike il salto è molto alto. Bisogna sempre migliorare e imparare.”

Il gran capo Aprilia  Romano Albesiano dice che saresti molto adatto per la MotoGP.

Lo ringrazio per i complimenti e la fiducia. Ma il mio pensiero, in questo momento, è fare bene in Superbike. Per il resto ci sarà tempo.”

Con i britannici di Shaun Muir Racing come ti trovi?

“Ci sono molti italiani in squadra (quattro ingegneri del reparto corse Aprilia, ndr) ma il mio capo tecnico è inglese, per cui parlo sempre in inglese. Devo migliorare anche su questo aspetto. Però è una bella esperienza, mi farà crescere molto dal punto di vista professionale. Ho intorno gente molto motivata, sono molto soddisfatto.”

La coabitazione con Eugene Laverty come sta andando?

E’ un grandissimo pilota. Ha vinto tanto con Aprilia (9 gare solo nel 2013, ndr). Ci sarà da imparare molto da uno come lui.”

Però nei test invernali gli sei stato sempre davanti…

“Ciascuno nei test fa la sua strada. E’ un pilota molto veloce, quello che dico lo penso davvero.”

Che Mondiale sarà?

Rea parte molto favorito. Ma siamo in molti che cercheremo di creargli qualche fastidio.”

Domenica torni a casa soddisfatto se…

“Non mi sbilancio mai troppo. Però a me quest’anno interessa stare nelle posizioni che contano.”

Superbike 2017 Ecco perchè torneremo ad emozionarci

Superbike Round Australia Tutti gli orari in pista e in TV

Gli ultimi test Melandri a 30 millesimi da Rea

Foto Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy