Superbike Jerez Jonathan Rea Campione del Mondo 2016 se….

Superbike Jerez Jonathan Rea Campione del Mondo 2016 se….

La Superbike alla resa dei conti: ecco tutti i calcoli alla vigilia del penultimo round. Sarà spareggio nella Superstock: Mercado o De Rosa?

Commenta per primo!

Jonathan Rea ha festeggiato il primo Mondiale in carriera un anno fa proprio a Jerez e ci sono ampie possibilità che la storia possa ripetersi.

Il nordirlandese approda in Andalusia a quota 426 punti, 48 in più del compagno Tom Sykes. E’ ancora in corsa anche il ducatista Chaz Davies che però è lontano 81 punti su 100 in palio tra Jerez e la finalissima di Losail (Qatar) il 29-30 ottobre. Per fare festa in anticipo Rea nel computo delle due gare di Jerez deve guadagnare 3 punti su Sykes. Il calcolo è semplice, se sta davandi è fatta. Il Mondiale però non finirà sabato: se in gara 1 JR facesse il pieno e Tom zero, il vantaggio salirebbe a +73 con ancora 75 punti da assegnare. Ricordiamo che ha bisogno di guadagnare tre punti e non due perchè (teoricamente) Sykes ha ancora la possibilità di ribaltare la discriminante piazzamenti. Al momento Rea ha 9 vittorie e 6 secondi, Sykes 5 vittorie e 7 secondi: vincendo le quattro corse rimanenti Tom supererebbe Jonathan se questi non arrivasse neanche una volta almeno secondo. Quasi disperata la missione di Davies: deve fare il pieno (50 punti) sperando che Rea non ne faccia più di 19. Ricordiamo che Rea accusa due zeri nella classifica 2016 (per problemi meccanici)  ma quando è arrivato in fondo non ha mai fatto peggio di quarto. Kawasaki è ad un soffio anche dal secondo titolo Costruttori di fila: basterà che uno dei piloti in verde (privati compresi) arrivi almeno terzo per chiudere i giochi.

SUPERSPORT – Kenan Sofuoglu ha sprecatato malamente a Magny Cours il primo match point per il quinto Mondiale Supersport ma a Jerez l’obbiettivo non può sfuggire. Il turco ha 171 punti contro 129 del compagno di squadra Randy Krummenacher, quindi in caso di successo dello svizzero gli basta finire ottavo. Se Krummenacher non fa almeno primo o secondo, Sofuoglu è campione in ogni caso. Sarà un confronto al miele per la Kawasaki Puccetti che, comunque vada, può già organizzare la gran festa: l’unico dubbio è se chiamare un ristorante di Jerez o di Doha…

SUPERSTOCK – Il duello più teso lo riserverà la under 28 anni. Jerez è la prova finale, al comando c’è l’argentino Leandro Mercato (Ducati Aruba.it) con 111 punti contro 104 di Raffaele De Rosa (BMW Althea). Mercando ha il destino in mano: se fa primo o secondo è campione in ogni caso. De Rosa invece deve vincere sperando che l’avversario diretto non arrivi subito dietro. La situazione è complicata dai tanti piloti che potrebbero mettersi in mezzo, a partire dal francese Lucas Mahias che anche in Spagna sostituirà l’infortunato Florian Marino sulla Yamaha Pat. Lo specialista dell’Endurance ha vinto entrambe le gare cui ha preso parte (Misano e Magny Cours) quindi è una mina vagante per i due piloti che si giocano il titolo. Ricordiamo che la Superstock non assegna alcun titolo Mondiale, ma “solo” la Coppa FIM.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy