Superbike Jerez Day 1 La Ducati insegue il solito Jonathan Rea

Superbike Jerez Day 1 La Ducati insegue il solito Jonathan Rea

Kawasaki velocissima nella prima giornata dei test spagnoli. La Rossa è in scia con Melandri vicino al compagno Davies. Okay la nuova Honda

1 Commento

E se tutto fosse cambiato per non cambiare niente? La Superbike 2017 ha imposto restrizioni alla Kawasaki (alimentazione), la Ducati ha rafforzato la squadra con l’arrivo di Marco Melandri ma il risultato è lo stesso degli ultimi due anni  e anche delle precedenti uscite invernali: Jonathan Rea e la Kawasaki restano di un altro pianeta.

L’asso nordirlandese ha dominato gli ultimi due Mondiali e da quando è salito sul missile ZX-10R non ha mollato la prima posizione neanche una volta. La supremazia espressa nella prima giornata dei test di Jerez, tappa di avvicinamento all’apertura iridata del 25-26 febbraio a Phillip Island (Australia) non ha stupito nessuno. Perchè sullo stesso tracciato, a fine novembre, il Cannibale con una derivata dalla serie (si fa per dire…) andò più forte delle MotoGP presenti. Stavolta si è fermato 1’40″162, tre decimi meglio (come al solito) del suo compagno Tom Sykes. Segno che JR è tornato lucidato a puntino dalla preparazione fisica svolta in Australia e che la Kawasaki nonostante l’obbligo di impiegare lo stesso corpo farfalla del modello stradale, senza possibilità di aperture differenziate, non ha perso neanche una stilla del fantastico potenziale.

La Ducati insegue e l’unica novità di rilievo è l’avvicinamento di Marco Melandri (nella foto) piombato a soli 27 millesimi dal compagno Chaz Davies autore di un finale 2015 fantasmagorico e sempre più veloce del ravennate nelle precedenti uscite invernali.  Gli altri, per adesso, stanno a guardare. Lorenzo Savadori è miglior Aprilia (settimo tempo) ma a 1′”3 da Rea. Promette bene (se non benone…) la nuova Honda Fireblade SP2 che sta muovendo i primi passi con Nicky Hayden e Stefan Bradl. Nella giornata di installazione l’americano ha girato in 1’41″800, compiendo appena 36 passaggi contro 57 del capolista e i 71 di Melandri.

I test di Jerez si chiudono mercoledi 25 gennaio, poi le Superbike si sposteranno a Portimao (Portogallo) per i collaudi in programma il 28-29 gennaio. Dopo il materiale verrà spedito in Australia e per recuperare terreno ci sarà solo l’ultima sgambata del 20-21 febbraio, sempre a Phillip Island. Poi si comincerà a fare sul serio.

I tempi (giorno 1): 1. Rea (Kawasaki) 1’40″162 (57 giri); 2. Sykes (Kawasaki) 1’40″422 (61);  3. Davies (Ducati) 1’49″784 (62): 4. Melandri (Ducati) 1’40″812 (71); Lowes Alex (Yamaha) 1’41″058 (55)  6. Fores (Ducati) 1’41″396 (48); 7. Savadori (Aprilia) 1’41″416 (53); 8. Torres (BMW) ’41″619 (60); 9. Hayden (Honda) 1’41″800 (36); 10. Van der Mark (Yamaha) 1’41″908 (67); 11. Laverty (Aprilia) 1’42″142 (50); 12. Bradl (Honda) 1’42″255 (47); 13. Reiterberger (BMW) 1’42″530; 14. Krummenacher (Kawasaki) 1’42″747 (44);  15. Haslam (Kawasaki) 1’42″774 (50); 16. Mossey (Kawasaki) 1’43″573 (35).

FOTOGALLERY La Honda Fireblade SP2 di Hayden e Bradl

La presentazione di Milwaukee Aprilia ufficiale

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. l.zecchin_417 - 9 mesi fa

    Buonaserata Paolo.
    Bene che Rea sia il piu’ in forma in SBK è scontato
    i corpi farfalla uguali a quelli di serie limita’ tutti non solo Kawa
    se il regolamento avesse consesso i 1300 ai twin probabilmente assisteremmo ad un campionato diverso ma considerato che Ducati corre con 1200 pure strozzato dagli air restrictor,,,,,
    Quando correranno alla pari con una 4 cilindri vedremo…
    i piloti ci sono Davies e Melandri ok anzi mi meraviglia la capacita’ di adattamento di Marco alla nuova moto …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy