Superbike: I top team girano a Jerez, Jonathan Rea prepara il poker

Superbike: I top team girano a Jerez, Jonathan Rea prepara il poker

Martedi 23 e mercoledi 24 le derivate dalla serie riaccendono i motori. Sei giornate di collaudo in tre piste diverse.

di Redazione Corsedimoto

La Superbike riaccende i motori martedi 23 gennaio, per due giorni, sul tracciato andaluso di Jerez, lo stesso che ha ospitato l’ultima tornata di collaudi 2017, lo scorso fine novembre.

Saranno in pista, fra le altre,  le formazioni ufficiali di Kawasaki, Ducati, Yamaha, MV Agusta e la BMW Althea con l’attesissimo Loris Baz. La Kawasaki ha già girato a novembre in configurazione 2018, cioè con il limitatore abbassato a 14.100 giri. In quella occasione Jonathan Rea firmò un tempo strepitoso, 1’37″986. In questa nuova uscita Kawasaki Racing Team manderà in pista la ZX10RR MY in versione ancora più vicina a quella che vedremo in azione nell’apertura del Mondiale, sabato 24 e domenica 25 febbraio a Phillip Island. Ricordiamo che dopo le due giornate di Jerez, le formazioni Superbike si sposteranno nella vicina Portimao (Portogallo), per un’altra doppia sessione in programma il 28-29 gennaio. Poi il materiale tecnico volerà in Australia, dove prima della gara è in programma la consueta rifinitura, lunedi 20 e martedi 21 febbraio.

REA DIXIT – “Dopo il nostro ultimo test invernale del 2017 sono rimasto molto impegnato per un paio di settimane per una serie di eventi promozionali Kawasaki” ha commentato il campione del Mondo in circa.  “Poi ho trascorso le vacanze di fine anno in Australia, dove abbiamo appena costruito una nuova casa. Ormai per me è abituale cominciare la preparazione  in Australia, c’è il sole e tutto quello che mi serve per allenarmi a fondo. Nei prossimi test di Jerez ci concentreremo sulla messa a punto della Kawasaki e servirà anche per riprendere gli automatismi dopo due mesi di stop. Abbiamo tutto il tempo che serve prima dell’inizio della nuova sfida.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy