Superbike Giampiero Sacchi “Sostituire Mercado? Una follia”

Superbike Giampiero Sacchi “Sostituire Mercado? Una follia”

Giampiero Sacchi, titolare Iodaracing, spiega ai nostri microfoni perché la sua squadra non sostituirà l’infortunato Mercado saltando la trasferta di Phillip Island.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

La griglia di partenza del primo appuntamento stagionale del World Superbike, il round di Phillip Island che si svolgerà dal 24 al 26 febbraio prossimi, perde un atteso protagonista. Leandro Mercado, pilota del team Iodaracing, suo malgrado è incappato in un infortunio nel corso di una sessione di allenamento con la moto da cross. L’argentino quindi si perderà la trasferta australiana con Iodaracing, a sua volta, che ha preso la decisione di non sostituire ‘Tati’, rinunciando a presenziare al primo round 2017.

Il problema principale è ai polmoni“, ha spiegato ai nostri microfoni Giampiero Sacchi, titolare Iodaracing. “Certo, si è fratturato anche tre costole, ma il fatto è un altro: si è procurato una falda di pneumotorace, vale a dire che si è rotto l’involucro dei polmoni lasciando entrare dell’aria. Questo può essere pericoloso ed infatti al pilota è stato vietato di volare“.

Giampiero Sacchi con Leandro Mercado
Giampiero Sacchi con Leandro Mercado
Assente Mercado, sarà così anche per la stessa squadra italiana. “Pensare ad un sostituto è una follia“, ha proseguito Sacchi. “Abbiamo deciso di puntare su Mercado per il nostro progetto e non intendiamo affrontare una prima tappa con un pilota che non conosciamo e che vede per la prima volta la nostra moto. Vogliamo disputare una bella stagione nel Campionato del Mondo Superbike ed intendiamo farlo con Tati“.

In vista della trasferta in Thailandia del prossimo mese di marzo, tutto dipenderà da quando Mercado potrà risalire in sella alla Aprilia RSV4 RF #36. “Ancora non sappiamo nulla per quanto riguarda i suoi tempi di recupero. Lunedì verrà visitato da un pneumologo, un esperto che quindi potrà essere più chiaro sulle condizioni del nostro pilota. Solo allora potremo pensare a come comportarci di conseguenza“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy