Superbike Germania: Melandri come Dovi? “Sono molto motivato, ce la giochiamo”

Superbike Germania: Melandri come Dovi? “Sono molto motivato, ce la giochiamo”

La Superbike torna in pista con la Ducati a caccia delle Kawasaki. Lo svantaggio è grande ma restano ancora 10 gare….

Commenta per primo!
Marco Melandri sul podio a Misano 2017

Dopo circa un mese di pausa estiva, il Campionato Mondiale Superbike è in procinto di riaprire il sipario sul tracciato dell’EuroSpeedway Lausitz (Germania), teatro del nono round, in programma dal 18 al 20 agosto. Sul circuito tedesco, situato circa 130 km a sud di Berlino, Chaz Davies ha trionfato lo scorso anno in Gara 1 (con annesso giro record) partendo dalla pole position. Marco Melandri farà invece il suo debutto sulla pista che è tornata nel calendario  proprio nel 2016 dopo otto anni di assenza. 

Dopo otto round, Davies (226 punti) e Melandri (189 punti) sono rispettivamente terzo e quarto in classifica, dietro le Kawasaki di Jonathan Rea e Tom Sykes. Il divario è grande, ma restano ancora 10 gare (250 punti).  

È stato molto importante fare un test al Lausitzring prima della gara” confida Marco Melandri. “È una pista nuova per me, e non è facile da interpretare, quindi abbiamo cercato di sfruttare tutto il tempo a nostra disposizione. Il maltempo non ci ha permesso di completare il nostro programma di lavoro, ma abbiamo comunque raccolto informazioni e soprattutto idee interessanti. Nel secondo giorno ho capito meglio le traiettorie da fare per evitare le buche. I punti più critici restano i rettilinei e la curva 9, ma d’altronde è così per tutti. È stato importante anche girare sul bagnato, perché il meteo in Germania è abbastanza imprevedibile. Penso che saremo pronti per qualsiasi condizione atmosferica. Quindi, sono molto motivato e fiducioso per il weekend di gara”.

Chaz Davies ha detto:  Lo scorso anno al Lausitzring siamo stati molto competitivi, avevamo un gran ritmo sull’asciutto e di fatto abbiamo compiuto una svolta. Anche durante i test estivi in Germania siamo stati abbastanza veloci. Poi siamo anche riusciti a girare sul bagnato con riscontri cronometrici incoraggianti. Dobbiamo ancora confermare un paio di parametri che solitamente definiamo durante il weekend di gara, ma in generale mi sono sentito a mio agio e sono stato contento del lavoro svolto. Quindi non vedo l’ora di salire nuovamente sulla Panigale R su una pista che mi piace. È piuttosto sconnessa, ma offre sfide differenti rispetto ad altri circuiti. Al Lausitzring è possibile trovare traiettorie per evitare le buche. Sono carico per la seconda parte della stagione, la affronteremo come sempre una gara alla volta, e vedremo cosa succederà.”

PRIMATI – Giro più veloce: Davies (Ducati), 1’37.357 (157,710 km/h) – 2016 Record del circuito: Davies (Ducati), 1’37.357 (157,710 km/h) – 2016. Superpole: Davies (Ducati), 1’37.883 (156,861 km/h) – 2016

COSI’ NEL 2016 – Gara 1: Davies (Ducati), Sykes (Kawasaki), Hayden (Honda); Gara 2: Rea (Kawasaki), De Angelis (Aprilia), Forés (Ducati)

Superbike Le soluzioni Pirelli per Lausitzring 

Miss Melandri, “Vi racconto cose che non ho mai raccontato”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy