Superbike Donington: Le nuove regole non aiutano BMW, Loris Baz ai margini

Superbike Donington: Le nuove regole non aiutano BMW, Loris Baz ai margini

Il pilota francese era attesissimo ma finora non si è visto. La S1000RR non ha tratto giovamento dal nuovo regolamento

di Redazione Corsedimoto
Loris Baz

Loris Baz, 25 anni, era uno dei piloti più attesi di questa stagione Superbike. Tornava a casa dopo tre stagioni MotoGP e parecchi erano convinti che sarebbe stato uno dei piloti da tenere d’occhio. Nel 2017, con la Ducati Avintia, ha chiuso nove GP su 18 in zona punti, 4 volte nella top ten. Più o meno gli stessi piazzamenti che sta ottenendo con la BMW di Althea Racing: in dieci gare è entrato nei migliori dieci solo tre volte.

CONFRONTI – Nell’ultima uscita di Imola Loris Baz ha concluso 11° e 13°, pagando rispettivamente 36″ e 30″ al vincitore. Un anno fa, con la stessa moto gestita dallo stesso team, Jordi Torres era finito a 35″ dal primo, concludendo ottavo. Anche nelle gare precedenti il trend è più o meno lo stesso: con il nuovo regolamento la BMW non si è avvicinata di un millimetro al vertice. Eppure la rivoluzione Dorna aveva espressamente l’obiettivo di dare un aiuto alle Marche in difficoltà. Anche se davanti  le gare sono (leggermente) più combattute di un anno fa, i rapporti di forza fra le Marche presenti sono rimasti più o meno inalterati.

PRECEDENTI – Loris Baz ha gareggiato per l’ultima volta a Donington nel 2014, quando era con la Kawasaki ufficiale. Finì due volte secondo, dietro Tom Sykes che sul tracciato dell’East Midland ha trionfato ininterrottamente dal 2013 fino a gara 1 di un anno fa: nove successi di fila. “Non vedo l’ora di arrivare a Donington, è tanto tempo che non ci vado e mi piace molto la pista” dice Loris Baz. “L’ultima volta sono stato molto veloce lì con la Superbike e ho dei bei ricordi. Dovremo vedere come la nostra moto si comporta sulla pista, abbastanza ondulata, forse almeno il primo settore sarà più facile rispetto al tracciato di Imola. Continueremo a lavorare per migliorare la moto e cercare di ridurre la sua tendenza di impennare. Rimaniamo positivi, siamo pronti per la lotta e daremo il 100%, come sempre.” Parole di circostanza. La realtà è che le gare passano,  e la soluzione non si vede.

Foto: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy