Superbike: Aprilia Milwaukee chiama Jonas Folger

Superbike: Aprilia Milwaukee chiama Jonas Folger

Aprilia Milwaukee sta cercando il sostituto di Eugene Laverty fuori per tre round. Il tedesco ex MotoGP è in cima alla lista

di Redazione Corsedimoto
Jonas Folger

Jonas Folger al posto dell’infortunato Eugene Laverty nei prossimi tre round del Mondiale Superbike? Aprilia Milwaukee sta cercando un pilota di livello e il 24enne tedesco è il primo della lista. A confermare l’interesse della squadra britannica è stato lo stesso manager del pilota, Bob Moore.

CONTATTO – Nei giorni scorsi il capo di Aprilia Milwaukee, Shaun Muir, ha sondato il terreno riguardo le condizioni di salute di Folger che ha rinunciato a correre in MotoGP con Yamaha Tech 3 a fianco di Johann Zarco perchè affetto dalla sindrome di Gilbert. “Shaun mi ha contattato via sms, ma non parlo con Jonas da alcune settimane, per cui al momento non ho potuto fornire alcuna informazione” ha dichiarato il manager all’online tedesco Speedweek. Che Folger si stia rimettendo e che abbia ricominciato a valutare se e come rientrare in pista lo aveva confermato nei giorni scorsi anche l’agenzia che ne cura gli interessi.

ALTERNATIVE – In attesa di capire le intezioni (e soprattutto le condizioni fisiche) di Folger, l’Aprilia Milwaukee sta valutando anche altre alternative. La più scontata sarebbe Matteo Baiocco, 32 anni, che con la RSV4 corre nel CIV ed è tester ufficiale di Aprilia Racing per il progetto MotoGP. La soluzione però non sembra incontrare il gradimento di Shaun Muir, che ovviamente preferirebbe un’alternativa di prospetto, cioè un pilota sul quale – se possibile – impostare il futuro. Ancora meno probabile la candidatura di Maximilian Scheib, pilota cileno di grande potenziale che però, sempre con Noale, punterà alla conquista dell’Europeo Superstock, programma nel quale – oltre alla struttura satellite Nuova M2 Racing – in questa stagione è pesantemente coinvolta anche Aprilia Racing.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy