Superbike 2019: Anche Jordi Torres aspetta e spera

Superbike 2019: Anche Jordi Torres aspetta e spera

Lo spagnolo, archiviata la parentesi MotoGP, è fra i tanti che rischiano di restare a piedi

di Redazione Corsedimoto
PHILLIP ISLAND, AUSTRALIA - OCTOBER 25: Jordi Torres of Spain and Reale Avintia Racing smiles in paddock during the MotoGP of Australia - Previews during previews ahead of the 2018 MotoGP of Australia at Phillip Island Grand Prix Circuit on October 25, 2018 in Phillip Island, Australia. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Esaurita la breve parentesi in MotoGP come sostituto di Tito Rabat, lo spagnolo Jordi Torres è uno dei numerosi piloti ex Superbike che aspetta improbabili spiragli in chiave 2019. “Non ho niente in mano per il prossimo anno, in questi giorni sto cercando di mantenere un buon rapporto con Ducati MotoGP, mi sono candidato a fare il sostituto durante  la prossima stagione, nel caso si liberi qualche posto. Forse questa è la mia unica possibilità di fare qualche gara nel 2019″ ammette Jordi.

Non è una bella prospettiva per un pilota che ha vinto sia in Moto2 (GP Germania 2013) che in Superbike, al termine della prima stagione (2015) con l’Aprilia Red Devils in Qatar.  “Mi piacerebbe continuare a correre in  Superbike, ma tutte le squadre sono al completo” è l’amara considerazione di Torres.  “Molti piloti  sono disoccupati: oltre a me anche Xavi Fores, Eugene Laverty, Loris Baz e Lorenzo Savadori. Il campionato mondiale Superbike è un buon campionato, lo adoro. Ma qualcosa deve cambiare, deve essere considerato più importante.” 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ridge - 4 settimane fa

    Savadori ha comunque dichiarato che la motoE non si accavalla con le date del campionato SBK quindi, se trovasse una sella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. higwr_622 - 4 settimane fa

    Ma Savadori non ha firmato con Gresini per la MotoE?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 4 settimane fa

      Si, certo. Ma Torres evidentemente non considera la MotoE un campionato “vero”, da piloti “veri”. E’ difficile non essere d’accordo con lui: la MotoE è un esperimento, molto interessante ma pur sempre una serie “sperimentale”. Savadori merita/meritava una chance di ben altro peso agonistico….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. higwr_622 - 4 settimane fa

        La ringrazio per il chiarimento e la precisazione…effettivamente concordo

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy