Superbike: ufficiale il divorzio tra Leon Camier e Crescent Suzuki

Superbike: ufficiale il divorzio tra Leon Camier e Crescent Suzuki

Dopo due anni si conclude il sodalizio tra le due parti

Commenta per primo!

La notizia, risaputa da diversi giorni, è stata ufficializzata in data odierna. Leon Camier non farà più parte del team FIXI Crescent Suzuki per la stagione 2014 del Mondiale Superbike. “Shafter”, Campione BSB 2009, ha disputato le ultime due stagioni del WSB con la compagine di Paul Denning portando per la prima volta la Suzuki GSX-R 1000 sul podio nel 2012 al Nurburgring.

Nonostante una serie di infortuni, Camier in questa stagione ha ben impressionato ai comandi della “Gixxer” concludendo all’11° posto in campionato con 1 podio (3° a Silverstone) all’attivo.

Come recita il comunicato stampa, “Suzuki, Crescent Motorcycle Company e FIXI desiderano ringraziare Leon per la professionalità e la totale dedizione al lavoro mostrata in questi due anni“, anticipando che la line-up dei piloti (con ogni probabilità Eugene Laverty ed il neo-Campione BSB Alex Lowes) 2014 sarà svelata nei prossimi giorni.

A nome di tutti in Crescent e dei nostri sponsor e partner, vorrei ringraziare Leon per questi due anni trascorsi insieme“, ha dichiarato Paul Denning. “Si è dimostrato un gran professionista in ogni occasione, diventando l’ideale ambasciatore del nostro team oltre che un caro amico. Crediamo che, a seguito di diversi infortuni, non abbiamo visto il vero Leon: se i punti fossero stati assegnati per la sua grande voglia di correre e la totale dedizione al lavoro, senza alcun dubbio sarebbe lui il Campione del Mondo 2013. Auguro a Leon il meglio per il futuro, sono davvero triste vederlo lasciare la nostra squadra: è un pilota di grande talento che merita di lottare per le posizioni di vertice“.

Quanto a Leon Camier, si parla di una permanenza nel mondiale con un team satellite Aprilia o, in alternativa, un ritorno nel BSB (con Honda).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy