Superbike: Troy Corser salterà Kyalami, al suo posto Martin

Superbike: Troy Corser salterà Kyalami, al suo posto Martin

Ritorna in pista Steve Martin con la seconda BMW S1000RR

Commenta per primo!

Dopo le due brutte cadute di Monza, il team BMW Mottorrad Motorsport e Troy Corser hanno assieme deciso che il pilota australiano non parteciperà alla trasferta extra-europea in Sud Africa, sul circuito di Kyalami, prevista per questo weekend. Ricordiamo che Corser è stato uno dei piloti coinvolti nel grave incidente di gara 1 di domenica scorsa a Monza, alla prima staccata del primo giro, ed è stato investito da dietro e colpito al collo e testa da un’altra moto.

Alla ripartenza è stato inoltre autore di un’altra uscita di pista, forse causata dall’intontimento derivante dalla prima caduta. Il due volte campione del mondiale Superbike correva inoltre con un osso della mano sinistra fratturato, dopo la caduta avuta sempre alla prima variante nei test effettuati lo scorso mese nel circuito brianzolo. Questa piccola frattura è molto fastidiosa, soprattutto in staccata, e quindi Troy ha dovuto far ricordo ad antidolorifici e ad una fasciatura rigida durante lo scorso fine settimana.

“Kyalami è un tracciato molto fisico, molto sconnesso in diverse parti” afferma Berti Hauser, direttore del team BMW Motorrad Motorsport “e questo non avrebbe aiutato la mano di Troy a migliorare. Quindi, dopo tutto ciò che è successo a Monza, assieme alle condizioni della sua mano, è stata presa la decisione di non far partecipare Troy a Kyalami”.

Troy Corser tenterà quindi di ristabilirsi per la gara statunitense di fine mese a Miller Motorsport Park, e il suo posto verrà preso per questo weekend dal collaudatore Steve Martin, il quale lascerà libera la sedia nella cabina di commento del sito ufficiale per tornare ancora in pista in una gara del mondiale Superbike. L’australiano è il tester di BMW Motorrad Motorsport, ha 181 gare in carriera alle spalle, conosce Kyalami e recentemente ha vinto la 24 ore di Le Mans con la Yamaha YZF R1 della YART.

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy