Superbike: sarà Fonsi Nieto a sostituire Max Neukirchner?

Superbike: sarà Fonsi Nieto a sostituire Max Neukirchner?

Diverse indiscrezioni confermano questa possibilità per Kyalami

Commenta per primo!

Siamo nel campo delle indiscrezioni, e pertanto non possiamo dare la certezza assoluta. Quel che riportiamo sono le classiche voci da paddock: Fonsi Nieto sarebbe pronto a sostituire l’infortunato Max Neukirchner con la Suzuki GSX-R 1000 K9 del team Suzuki Alstare, tornando così con la struttura belga dopo una stagione 2009 che lo ha visto chiuder sesto in campionato con la perla della vittoria di Gara 2 a Losail.

Nieto è rimasto successivamente “appiedato” dal mancato rinnovo e/o accordo con Alstare: dopo una lunga trattativa tra i suoi sponsor e Francis Batta non si è riusciti a trovare la disponibilità di una GSX-R 1000 K9, così che Fonsi ha puntato sulla Moto2 siglando un accordo con il team LaGlisse per sviluppare la YM2 motorizzata Yamaha.

Facendo di necessità virtù, Fonsi Nieto sarebbe la persona giusta per sostituire Max Neukirchner a Kyalami e Miller: conosce già la squadra, sostanzialmente anche la moto, pneumatici e campionato. Una conferma potrebbe arrivare nelle prossime ore, e farebbe così cadere le “suggestive” (e probabilmente poco realistiche) candidature di Claudio Corti, che sarebbe stato così “premiato” per la vittoria di Monza, oppure addirittura di un pilota del team Suzuki Yoshimura dell’American Superbike per Miller, come Mat Mladin o gli americani Blake Young e Tommy Hayden.

Insomma, non ci resta che aspettare qualche ora per sapere se effettivamente Fonsi Nieto tornerà della partita nella Superbike. D’altronde negli ultimi tempi si era parlato di lui come pilota del team Stiggy, ma ha successivamente smentito la notizia. “Sono concentrato sul programma Moto2“, rivelò l’ex vice-campione della 250, “ma non escludo in un futuro di tornare in Superbike“. Che si sia presentata l’occasione buona?

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy