Superbike Phillip Island: Max Biaggi è soddisfatto della Aprilia

Superbike Phillip Island: Max Biaggi è soddisfatto della Aprilia

Podio sfiorato in Gara 2 in Australia con la RSV4

La scelta Aprilia è stata quella giusta? A vedere l’esordio di Phillip Island non si può dire che Max Biaggi non sia stato lungimirante. La RSV4 ha un potenziale incredibile, come si è potuto notare alla velocità massima in rettilineo, le attenzioni rivolte dagli avversari e, soprattutto, dai risultati in pista. Il “Corsaro” ha ottenuto il secondo tempo nella Superpole, mentre nella seconda manche ha lottato per un piazzamento a podio, non fosse stato per un contatto proprio all’ultimo giro.

Sono abbastanza soddisfatto, abbiamo fatto una buona seconda gara usando una gomma differente, più morbida, rischiando molto e sapendo che sarebbe durata solo metà gara“, commenta Max Biaggi. “Infatti negli ultimi dieci giri le gomme erano finite ed ho fatto di tutto per rimanere in lotta per il podio fino alla fine. All’ultimo giro, alla curva Siberia, i due davanti a me si sono toccati ed hanno fatto delle traiettorie strane, io avevo preso velocità e per non colpirli ho dovuto frenare finendo nella via di fuga. Lo spazio lì è poco e mi sono fermato sulla barriera di gomme, fortunatamente sono riuscito a tenere la moto accesa, rientrare e finire la gara potando a casa almento un punto, anche se sicuramente avrei meritato qualcosa in più. Dobbiamo risolvere ancora dei problemi, ma non escludo che possa accadere in tempi brevi. Mi piacerebbe vedere come si comporterà la moto quando sarà al 100 % visto il suo potenziale, ma ho molta fiducia nei tecnici Aprilia, è anche per questo motivo per cui sono ritornato qui dopo tanti anni“.

Fiducia verso Aprilia Racing, ottimismo pensando a Losail, dove vinse Gara 1 al suo esordio assoluto in Superbike nel 2007, all’epoca con la Suzuki del team Alstare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy