Superbike Phillip Island Gara 2: Carlos Checa ottiene la vittoria

Superbike Phillip Island Gara 2: Carlos Checa ottiene la vittoria

Battuto Leon Haslam giusto all’ultimo giro

Commenta per primo!

Carlos Checa corona il weekend che lo ha visto protagonista nelle sessioni di prove con la vittoria in gara 2 sul circuito di Phillip Island. Il pilota Ducati Althea Racing ha ottenuto il primo successo per la squadra capitanata da Genesio Bevilacqua e la terza personale nella categoria, grazie ad una performance straordinaria messa in campo dopo una brutta partenza. Checa riesce quindi a compiere, con una Ducati satellite (seppur quasi identica alle ufficiali) ciò che a Michel Fabrizio in nella prima manche non era riuscito: sorpasso ai danni di Haslam all’ultimo giro ed allungo per assicurarsi la prima posizione sulla linea del traguardo. Completa il podio proprio il pilota di Frascati, ancora competitivo dopo la prima manche che lo aveva visto sfiorare il successo.

Lo start della manche è stato in tutto e per tutto la fotocopia della precedente, con Leon Haslam capace di ottenere la leadership grazie ad una sensazionale prima curva nonostante Michel Fabrizio fosse partito meglio di lui dalla casella di partenza. Ottimo lancio di Chris Vermeulen, quarto al termine del primo giro, il quale ha dovuto poi cedere il passo a diversi piloti per poi finire la gara contro le barriere di protezione della Lukey Heights, nel corso dell’ottava tornata.

Leon Haslam, Michel Fabrizio e Noriyuki Haga sembrano ripetere lo stesso copione della prima gara, ma a rovinare la festa si inserisce un nuovo attore: il secondo pilota del team Suzuki Alstare, il francese Sylvain Guintoli, in splendida forma e capace, durante il terzo giro, di compiere un doppio sorpasso alla prima staccata ai danni dei due piloti Ducati Xerox.

L’ex pilota MotoGP e British Superbike non sembra avere in mente di far gioco di squadra con Haslam: in ben due occasioni il francese infatti costringe ad una traiettoria larga il britannico in due differenti sorpassi alla prima staccata dopo il traguardo, e questo agevola il compito dei due piloti ufficiali Ducati.

Dal decimo giro in avanti, a questo quartetto si aggiunge anche Carlos Checa, autore di una fantastica rimonta. Di lì in poi l’atmosfera diventa rovente, con continui cambi di classifica, fino al punto in cui Noriyuki Haga, probabilmente per colpa dell’infortunio rimediato nel warm-up, perde terreno e si stacca dai primi.

Siamo a quattro giri dal termine, quando il pilota Althea si libera di Michel Fabrizio. Con l’obiettivo vittoria oramai nel mirino, Checa sorpassa anche Guintoli alla ventesima tornata, concentra le attenzioni su Haslam e riesce ad ottenere un successo storico nel finale.

Noriyuki Haga termina quinto in tranquillità, con otto secondi di vantaggio su un fenomenale Jonathan Rea, autore di un lungo al primo giro che lo ha portato a transitare, al termine dello stesso, in ultima posizione. Il pilota Honda Ten Kate precede il veterano Troy Corser con la BMW, che mette una piccola pezza sul fine settimana disastroso della compagine bavarese, il nostro Max Biaggi con l’Aprilia ufficiale (anch’egli autore di un lungo ad inizio gara, dopo una brutta partenza) e il duo Yamaha Sterilgarda con Cal Crutchlow che precede lo stoico James Toseland, partito bene ma incapace di mantenere un ritmo importante, anche a causa dell’infortunio alla mano destra rimediato nella prima manche.

Soltanto undicesimo Leon Camier il quale, come in gara 1, è stato autore di un errore che gli ha compromesso una performance sulla carta molto promettente. Ritirato anche l’altro pilota Kawasaki factory, l’inglese Tom Sykes, ma per un problema tecnico alla ZX-10R preparata da Paul Bird Motorsport, ed uscite di scena anche per il ceco Jakub Smrz con la Ducati Pata B&G e Matteo Baiocco con la Kawasaki Pedercini.

HANNspree Superbike World Championship 2010
Phillip Island, Classifica Gara 2

01- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 F10 – 22 giri
02- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.307
03- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F10 – + 0.434
04- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.837
05- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F10 – + 3.453
06- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 11.530
07- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 12.026
08- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 13.068
09- Cal Crutchlow – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 14.401
10- James Toseland – Yamaha Sterilgarda Team – Yamaha YZF R1 – + 14.707
11- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 14.743
12- Shane Byrne – Althea Racing – Ducati 1198 F10 – + 14.851
13- Lorenzo Lanzi – DFX Corse – Ducati 1198 RS – + 15.143
14- Joshua Brookes – Echo CRS Honda – Honda CBR 1000RR – + 30.947
15- Andrew Pitt – Team Reitwagen BMW – BMW S1000RR – + 41.855
16- Max Neukirchner – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR – + 48.844
17- Vittorio Iannuzzo – S.C.I. Honda Garvie Image – Honda CBR 1000RR – + 1’06.866
18- Roger Hayden – Team Pedercini – Kawasaki ZX 10R – + 1’07.751

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy