Superbike: per la Kawasaki il 2011 è già iniziato da tempo

Superbike: per la Kawasaki il 2011 è già iniziato da tempo

Settimane di test in Giappone per la nuova ZX-10R

di Redazione Corsedimoto

Perso il proprio pilota di punta per infortunio, preso coscienza che l’attuale moto è giunta al capolinea, in Kawasaki sono ormai orientati allo sviluppo del nuovo modello per preparare al meglio la prossima stagione con largo anticipo. Una scelta inevitabile per la casa di Akashi che a Silverstone ha vissuto uno dei weekend più difficili della stagione: Akira Yanagawa, sostituto occasionale di Chris Vermeulen, ha navigato nelle retrovie. Non è andata meglio a Tom Sykes, solo due punticini dopo promettenti qualifiche, evidenziando a parole qual è il canonico problema della ZX-10R: “Abbiamo un grande motore, ma non riusciamo a scaricare la potenza a terra“. Se correre a Monza non è un problema (non a caso lì sono stati ottenuti i migliori risultati stagionali), in un circuito guidato come Silverstone diventa un calvario correre al limite.

Un problema da A-B-C del motociclismo: serve un telaio, ed un’elettronica, in grado di sposare al meglio il 4 cilindri. In Kawasaki confidano di averlo trovato nella nuova Ninja ZX-10R, che nelle prossime settimane scenderà nuovamente in pista in Giappone (ad Autopolis, tracciato di proprietà Kawasaki), ma questa volta con le specifiche regolamentari FIM del World Superbike.

Nel primo collaudo “pubblico” del 7-8 luglio l’unica Ninja presente era preparata rispettando i regolamenti JSB1000 dell’All Japan Superbike, completamente differente rispetto al mondiale (chiedere a Yoshimura Suzuki per conferma..). La ragione è presto spiegata: la necessità di effettuare un confronto in tempo reale tra il vecchio ed il nuovo modello. I piloti-collaudatori Akira Yanagawa e Hidemichi Takahashi hanno infatti girato sia con l’attuale ZX-10R che con la ’11, un giorno ciascuno (Takahashi il 7, Yanagawa l’8 luglio).

Non sono disponibili tempi sul giro, anche se i molti addetti ai lavori presenti (era pur sempre una sessione di test collettiva per la 8 ore di Suzuka) parlano di riferimenti cronometrici molto “simili” tra le due moto. Risulteranno sicuramente più indicativi i prossimi test con la moto in configurazione FIM WSBK, una sessione organizzata da tempo con la presenza di Chris Vermeulen, ora infortunato. Sicuramente ci sarà Akiya Yanagawa in pista, mentre Tom Sykes questo fine settimana disputerà la tappa del British Superbike a Brands Hatch dove, lo scorso anno, Broc Parkes conquistò 3 secondi posti alle spalle della Yamaha campione con Leon Camier. Con qualche vittoria cercherà di garantirsi la riconferma per il 2011, magari in un team “B” al fianco della squadra ufficiale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy