Superbike: note positive da Michel Fabrizio e Suzuki Alstare

Superbike: note positive da Michel Fabrizio e Suzuki Alstare

Buone le prestazioni mostrate nei test pre-gara

Commenta per primo!

Il team Suzuki Alstare ha dimostrato di essere sul pezzo e pronto per il debutto stagionale in programma sul tracciato di Phillip Island questo week-end, dopo i buoni riscontri accumulati nei test Infront Motor Sports di Phillip Island delle scorse due giornate, e in quelli privati disputati la scorsa settimana sempre sulla pista australiana.

Il pilota scelto per mantenere nelle posizioni che contano il team guidato da Francis Batta, ovvero l’ex ducatista Michel Fabrizio, si è dimostrato molto motivato e decisamente a suo agio in sella alla GSX-R 1000, cogliendo il settimo tempo assoluto al termine della due giorni di prove e sfoggiando un ottimo stato di forma mentale e fisica. Unica piccola nota negativa è rappresentata dalla caduta di cui è stato vittima il pilota romano nel pomeriggio di ieri, dalla quale ha fortunatamente rimediato soltanto una botta a due dita della mano destra.

Questo incidente di percorso non ha ad ogni modo guastato l’umore di Michel, il quale ha tutta l’intenzione di ben figurare in questo primo round della stagione 2011. Il #84 è convinto di potersi migliorare ulteriormente, avendo avuto infatti qualche problema con il feeling all’anteriore, quest’ultimo limitato dall’utilizzo di una mescola a suo dire troppo dura, montata plausibilmente per trovare un buon rendimento sulla lunga distanza in ottica di gara.

“Ogni volta che salgo in sella alla GSX-R 1000”, commenta Michel Fabrizio, “e compio dei giri, la fiducia e il feeling sulla moto aumentano. La squadra sta lavorando duramente e io sto cercando di tirare fuori il meglio dal mezzo. Ora che abbiamo visto il livello dei nostri rivali, abbiamo un’immagine più chiara di ciò che dobbiamo fare. Sicuramente sarà dura questo week-end ma, se riuscirò a qualificarmi bene, non c’è ragione per cui non  riesca ad ottenere un buon risultato, ed è questo a cui punto.”

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy