Superbike Monza Gara 1: fantastico successo per Laverty

Superbike Monza Gara 1: fantastico successo per Laverty

Battuto Max Biaggi, Haslam sul podio e Melandri quarto

Commenta per primo!

Eugene Laverty (Yamaha World Superbike) ottiene il primo successo della sua carriera in Superbike, grazie ad una gara fantastica ed esente da sbavature. Il pilota di Toomebridge, che corre con passaporto irlandese, è riuscito ad avere la meglio su un combattivo Max Biaggi (Aprilia Alitalia), con il “Corsaro” che è stato autore di qualche errore di troppo, che non gli ha permesso di restare assieme al leader di gara nella seconda parte di gara e lo ha costretto ad una dura battaglia con i rivali Leon Haslam (BMW Motorrad Motosport) e Marco Melandri (Yamaha World Superbike), rispettivamente terzo e quarto al traguardo. Conclude al quinto posto il nostro Michel Fabrizio (Suzuki Alstare), che riesce a far meglio di Jonathan Rea (Castrol Honda), Troy Corser (BMW Motorrad Motosport) e Leon Camier (Aprilia Alitalia), Nonostante la nona posizione finale, Carlos Checa resta leader della classifica a quota 139, con trenta lunghezze in più su Biaggi e quarantuno su Melandri.

Cronaca di gara

Ottima partenza per Biaggi e per Corser, con quest’ultimo che transita per primo . Terzo Melandri, seguito da Laverty e Melandri. Il pilota di passaporto irlandese sopravanza il compagno di squadra alla prima curva di Lesmo. Gran staccata del #58 su Biaggi e Corser, alla “Prima Variante” del secondo giro, ottenendo la leadership. Sesto Noriyuki Haga, che precede Rea, Camier e Fabrizio. Sorpasso di Biaggi in velocità sul rettilineo inizio terzo giro, con velocità massima di 333 km/h. Laverty affianca il pilota romano al “Serraglio” e sopravanza Biaggi, mentre Melandri resta a ruota terzo. Nel corso del  giro numero tre Melandri passa Biaggi, con quest’ultimo che replica all’interno della prima curva di “Lesmo”. Haslam prova a chiudere il gap con Biaggi e Melandri. Al quinto passaggio Haslam supera il #33, a causa di un’imprecisione del ravennate alla “Variante della Roggia”.

Nella tornata seguente Laverty è autore di un ottimo inserimento all’interno nel cambio di direzione alla “Roggia”, per poi ottenere la testa alla prima curva di “Lesmo”. Taglio di Haslam alla “Prima Variante” nel giro numero otto, con l’inglese che rientra in pista sempre in terza posizione. Ride through per Noriyuki Haga, a causa di un taglio alla prima variante, penalizzato a causa del fatto che il giapponese non ha lasciato la posizione.

Biaggi va lungo alla prima staccata, e viene sopravanzato sia da Haslam e Melandri alla tornata numero undici, riuscendo a tenere comunque la corda. Inizia un tira e molla che dura diversi giri tra il “Corsaro” e i due avversari, con il campione del mondo che è autore di diversi errori, che gli impediscono di staccare la concorrenza. Nel finale il pilota Aprilia Alitalia tenta di recuperare sul leader, ma non riesce a colmare il gap.

Vince quindi Eugene Laverty (Yamaha World Superbike), davanti a Max Biaggi (Aprilia Alitalia), Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) ed al compagno di squadra Marco Melandri. Quinto posto, con più di undici secondi dalla vetta di distacco, per un ottimo Michel Fabrizio (Suzuki Alstare), che ha la meglio su Jonathan Rea (Castrol Honda), Troy Corser (BMW Motorrad Motorsport) e Leon Camier (Aprilia Alitalia), con quest’ultimo che riesce nel finale ad avere la meglio su Carlos Checa (Ducati Althea Racing), permettendo al compagno di squadra di guadagnare un punticino in più in classifica.

Superbike World Championship 2011
Monza, Classifica Gara 1

01- Eugene Laverty – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – 18 giri in 31’09.584
02- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 1.575
03- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 3.078
04- Marco Melandri – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 3.255
05- Michel Fabrizio – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 11.812
06- Jonathan Rea – Castrol Honda – Honda CBR 1000RR – + 12.371
07- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 13.280
08- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 17.419
09- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 17.569
10- Jakub Smrz – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 18.420
11- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 20.031
12- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 20.405
13- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 26.693
14- Maxime Berger – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 38.429
15- Ruben Xaus – Castrol Honda – Honda CBR 1000RR – + 40.164
16- Noriyuki Haga – Pata Racing Team Aprilia – Aprilia RSV4 Factory – + 49.081
17- Mark Aitchison – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 57.930
18- Fabrizio Lai – Echo Sport Racing Company – Honda CBR 1000RR – + 1’03.039

Valerio Piccini

Servizio Fotografico Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy